Nord Europa: ArcelorMittal alza i prezzi dei coils a caldo nei contratti a lungo termine

giovedì, 22 ottobre 2020 12:00:22 (GMT+3)   |   Brescia
       

ArcelorMittal ha annunciato questa settimana l'intenzione di aumentare i prezzi dei coils laminati a caldo (HRC) nei contratti a lungo termine con i centri servizi e i distributori del Nord Europa. Il produttore punta a un prezzo di 550 €/t franco produttore, ovvero a un incremento di circa 100 €/t rispetto ai contratti del 2020.

Questo mese le attività hanno subito un rallentamento nel mercato europeo degli HRC rispetto ad agosto e settembre, tuttavia lo stesso mercato sta ancora godendo di uno slancio positivo. L'offerta appare ancora ridotta in Europa dal momento che solo alcuni impianti sono stati riavviati e che le offerte da paesi terzi continuano a scarseggiare. Allo stesso tempo, le acciaierie godono di un buon portafoglio ordini.

Attualmente i prezzi spot nell'Europa settentrionale si attestano a 490-500 €/t franco produttore, tuttavia le fonti ritengono che aumenteranno nel prossimo periodo se il tentativo da parte di ArcelorMittal di alzare i prezzi sui contratti a lungo termine avrà successo anche solo parzialmente. 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo: prezzi in lieve calo nell'Ue, attesi grossi volumi sull'import

Coils a caldo, nell'Ue i prezzi cedono alla pressione dell'import

Coils a caldo: produttori Ue restii ad abbassare i prezzi

Dombrovskis «ottimista» sulla risoluzione delle tensioni commerciali USA-UE

Coils a caldo: mercato Ue ancora in vacanza, previsioni contrastanti per settembre