Italia: sentiment negativo sul mercato dei coils a caldo

venerdì, 22 marzo 2019 16:19:22 (GMT+3)   |   Brescia
       

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, il sentiment resta piuttosto negativo sul mercato italiano dei coils laminati a caldo (HRC), così come a livello europeo, dal momento che la scarsa domanda, gli alti livelli di scorta e i brevi tempi di consegna stanno avendo un effetto deprimente sui prezzi. Rispetto ad una settimana fa, i prezzi degli HRC sul mercato nazionale sono calati di ulteriori 5 euro, posizionandosi in generale tra i 470 e i 480 €/t franco produttore. 

Nel frattempo, le offerte di importazione si attestano a circa 490 €/t CFR, un livello decisamente troppo alto per i compratori italiani, che puntano ad un minimo di 460 €/t CFR.

Nel Nord Europa, le quotazioni degli HRC sono pari a circa 500-510 €/t franco produttore. 

Le fonti interpellate sperano in una ripresa nel secondo trimestre di quest'anno, a patto che migliori la domanda proveniente dal settore automotive, anche grazie al raggiungimento di un accordo tra USA e UE che scongiuri i dazi statunitensi sulle importazioni di auto.


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione di acciaio grezzo in crescita nel 2019

Minerale di ferro in ripresa, cresce la domanda per il materiale di qualità

Tubi saldati, stabili le offerte turche ma con sconti su grossi volumi

India: il rafforzamento della rupia sostiene i prezzi degli zincati a caldo all'export

Rottame, significativo calo del prezzo nell'ultimo scambio USA-Turchia