Italia: prezzi dei coils in salita

venerdì, 13 luglio 2018 16:12:46 (GMT+3)   |   Brescia
       

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, nelle ultime tre settimane i prezzi dei coils sono cresciuti sul mercato italiano. Attualmente le quotazioni base dei coils laminati a caldo (HRC) si attestano a 535-540 €/t franco produttore, mentre quelle dei coils laminati a freddo (CRC) e degli zincati a caldo (HDG) sono pari entrambe a circa 610-620 €/t franco produttore. 

Gli aumenti di prezzo sono stati supportati dal voto dell'Unione Europea a favore di misure di salvaguardia provvisorie sulle importazioni di acciaio nell'ambito dell'inchiesta di salvaguardia avviata in risposta ai dazi statunitensi della Section 232. Tali misure dovrebbero entrare in vigore la prossima settimana, mentre il termine per i risultati finali dell'indagine è fissato alla fine di dicembre. Verrà fissata una quota massima di importazione basata sui volumi di importazione degli ultimi anni, superata la quale sarà applicato un dazio del 25% sui volumi in eccesso. 

In generale, i produttori godono di un ottimo portafogli ordini e offrono materiale per consegna a settembre, altro motivo - oltre all'assenza dell'import - per il quale i prezzi hanno potuto crescere nell'ultimo periodo. 

Guardando al resto d'Europa, negli ultimi giorni ArcelorMittal ha annunciato un nuovo aumento di prezzo di 20-30 euro nei confronti dei propri clienti nordeuropei. Le nuove offerte si attestano a 580 €/t franco produttore nel caso degli HRC. 


Ultimi articoli collegati

Minerale di ferro, prezzi supportati da un miglioramento del sentiment in Cina

Prezzi delle lamiere stabili negli USA

Cina: prezzi del ferromanganese sul mercato locale – settimana 8

ArcelorMittal Kryviy Rih avvia i test a caldo presso la nuova colata continua

Ricavi in calo per China Steel Corporation a gennaio