Italia: prezzi dei coils a caldo in ripresa

mercoledì, 22 maggio 2019 11:16:44 (GMT+3)   |   Brescia
       

Si registra ancora un po' di confusione sul mercato italiano dei coils, dove i prezzi base dei coils laminati a caldo (HRC) vanno da un minimo di 460 a un massimo di 480 €/t franco produttore, contro i 450-460 €/t di una settimana fa. L'aumento è dovuto ai tentativi di rialzo da parte dei produttori europei, tentativi a loro volta giustificati dagli elevati costi delle materie prime e dai tagli di produzione. Ciononostante, i fondamentali restano deboli e le incertezze a livello politico (Brexit, elezioni europee) continuano a frenare la domanda.

Gli aumenti, ai quali ArcelorMittal ha fatto da apripista nella seconda settimana di maggio, hanno scongiurato il verificarsi di ulteriori erosioni di prezzo, ma questo ai produttori non basta: l'obiettivo sembra essere quello di ottenere almeno 20 euro di incremento. 


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran