India: esportatori di coils a caldo alzano i prezzi, cresce la domanda di spessori sottili

martedì, 14 gennaio 2020 13:21:26 (GMT+3)   |   Calcutta
       

I grossi produttori indiani stanno cercando di alzare le proprie offerte per l'export in modo da allinearle ai nuovi prezzi base interni. Ciononostante, le attività di vendita sono rimaste limitate in mercati chiave quali quello del Sud-est asiatico. Gli unici scambi hanno riguardato HRC caratterizzati da spessori sottili (inferiori ai 3 mm). 

Le acciaierie indiane hanno alzato di 10 $/t i prezzi degli HRC nell'ultima settimana, portandoli a quota 495-500 $/t FOB. Le offerte di alcuni produttori hanno raggiunto i 500-505 $/t FOB a fronte del fatto che l'offerta destinata all'export è rimasta nel complesso ridotta. 

Le attività sono scarseggiate anche a causa delle festività nazionali che termineranno soltanto il 17 gennaio.  

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un'acciaierie dell'India orientale ha venduto circa 8.000 tonnellate di HRC in Vietnam al prezzo di 495 $/t FOB, equivalente a circa 520 $/t CFR. Lo stesso produttore ha venduto un volume maggiore di spessori sottili a un prezzo aumentato di circa il 7%.

«C'è stato un incremento della domanda di spessori sottili nei mercati export - ha commentato il manager di un'acciaieria indiana -. I grossi esportatori indiani stanno ottenendo un prezzo maggiorato per questa tipologia di materiale».

Le offerte dei produttori indiani per il Medio Oriente si sono attestate a 520-530 $/t CFR con consegna a marzo e hanno già permesso loro di ottenere alcuni ordini. Il prezzo corrisponde a circa 500 $/t FOB. 


Ultimi articoli collegati

Coils a caldo, gli esportatori indiani fermano le vendite in Asia

Coils zincati a caldo, gli esportatori indiani alzano i prezzi

Coils a caldo, acciaierie indiane sempre meno orientate all'export

Coils zincati a caldo, gli esportatori alzano i prezzi ma la domanda è assente

Coils a caldo, esportatori indiani alzano i prezzi