Ti trovi qui: Home > Prezzi > Price report e analisi > Piani e bramme > India,...

India, coils a caldo: i prezzi export scivolano ancora, ma gli acquirenti si aspettano un nuovo fondo

mercoledì, 19 aprile 2023 16:53:56 (GMT+3)   |   Calcutta
       

I prezzi dei coils laminati a caldo (HRC) provenienti dall’India hanno continuato ad abbassarsi, ma non sono riusciti ad attirare acquisti significativi: i distributori europei sono ribassisti sull'andamento a medio termine e si stanno trattenendo dal concludere affari, mentre gli acquirenti dell'area MENA si stanno spostando verso fonti alternative più economiche, secondo quanto appreso.

Il prezzo di riferimento di SteelOrbis per l’HRC SAE1006 2mm indiano è stato ridotto di 10 $/t a un range di 670-740 $/t FOB nel corso dell'ultima settimana, con la fascia superiore del range che è stata definita "irrealistica" e si riferisce solo alle offerte delle grandi acciaierie per l'Europa.

Le offerte delle grandi acciaierie per i clienti europei si sono attestate sugli 800 $/t CFR, contro gli 800-825 $/t CFR della scorsa settimana, anche se finora non sono stati segnalati nuovi accordi.

Almeno due intermediari di mercato hanno dichiarato di aver sentito due offerte di 5.000 e 10.000 tonnellate presentate da un’acciaieria privata ad acquirenti in Nigeria, ma non è stato possibile concludere l’accordo in quanto le offerte erano significativamente inferiori all'offerta di 710 $/t FOB, indicando: «La maggior parte delle destinazioni sta diventando estremamente sensibile ai prezzi».

«La debolezza della regione asiatica si sta diffondendo» ha affermato una fonte di un’acciaieria privata. «In Europa c'è ancora una forte domanda di consumo finale. Ma i canali commerciali sono pessimisti sui prezzi e non sono disposti a guardare alle importazioni. A peggiorare la situazione c'è la scarsa attività in Medio Oriente per il Ramadan».

«Considerando che la maggior parte delle acciaierie indiane ha aumentato drasticamente le quote di esportazione per aprile-giugno, i venditori saranno costretti a effettuare vendite più aggressive all'estero. Credo, però, che questo avverrà dopo aver valutato l'andamento del mercato in Medio Oriente dopo l’Eid. Con le acciaierie cinesi che hanno completato le riduzioni dei prezzi, ci si può aspettare una certa stabilità per allora» ha affermato.


Articolo precedente

India, coils a caldo: prezzi in calo, aumentano le importazioni e l’eccesso di offerta

15 lug | Piani e bramme

Turchia, energia: l'effetto dell'aumento sui costi di produzione dell'acciaio sarà limitato, ma avrà un impatto sui ...

12 lug | Notizie

Coils a caldo: Dexin entra nel mercato per aumentare la concorrenza in Asia ed Europa

12 lug | Piani e bramme

Europa, coils laminati a caldo: prezzi relativamente stabili e commercio lento, aumentano gli obiettivi delle acciaierie

11 lug | Piani e bramme

Romania, piani: i prezzi sono stabili, ma sono disponibili sconti

10 lug | Piani e bramme

Cina, coils laminati a caldo: prezzi in calo con la discesa dei futures, i clienti cercano ulteriori sconti

09 lug | Piani e bramme

Vietnam, coils a caldo: offerte locali relativamente stabili nonostante il calo dei prezzi import

09 lug | Piani e bramme

Coils a caldo: gli acquirenti del Consiglio di cooperazione del Golfo preferiscono acquistare dalla Cona, anche se la ...

09 lug | Piani e bramme

India, coils a caldo: gli stabilimenti riprendono le offerte verso l’Europa, ma finora non riescono ad attrarre ...

09 lug | Piani e bramme

Turchia, coils a caldo: importazioni in calo nel periodo gennaio-maggio

09 lug | Notizie