HRC, le offerte dalla Cina rimangono alte a causa dei tagli alla produzione

mercoledì, 08 settembre 2021 17:56:26 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Rispetto a una settimana fa, i prezzi delle offerte cinesi relative ai coils laminati a caldo (HRC) sono leggermente calati, anche se per gli acquirenti internazionali rimangono alti. Nel complesso, la maggior parte dei produttori cinesi ha aumentato i prezzi sul mercato locale a causa dei limiti di produzione e non si è mostrata flessibile nel segmento delle esportazioni.

Nel mercato export, al momento le offerte per gli HRC SS400 con aggiunta di boro fornite dai principali produttori cinesi si attestano a 950-1.010 $/t FOB con spedizione a novembre, 980 $/t FOB in media per un calo di 5 $/t rispetto alla scorsa settimana. Solo l’estremo superore del range di prezzo si è abbassato. Ciò indica che alcune acciaierie non sono interessate a esportare perché si trovano a fare i conti con una minore disponibilità. Questa situazione dovrebbe continuare fino alla fine dell'anno. «Alcuni produttori di acciaio sarebbero disposti ad accettare ordini dai mercati esteri, ma per farlo dovrebbero tagliare i prezzi» ha spiegato un trader internazionale a SteelOrbis.

Nell’ultimo periodo, il prezzo di scambio per i coils SS400 si è attestato a 920-930 $/t FOB, in aumento rispetto alla media di 890-920 $/t FOB della scorsa settimana. I trader non intendono offrire prezzi più bassi ora a causa della minore offerta e dei prezzi più alti sul mercato locale.

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, il prezzo negoziabile per i coils laminati a caldo SAE1006 da parte di piccole acciaierie e commercianti cinesi partirebbe da 930 $/t FOB, anche se non si avrebbe notizia di scambi a questo prezzo.

Durante la settimana, i prezzi degli HRC nel mercato cinese sono saliti notevolmente a causa dei rialzi sul mercato dei futures. Tra i player di mercato prevale l'ottimismo: come consueto, la domanda di HRC dovrebbe migliorare durante quelo che per il mercato è il periodo di alta stagione, mentre l'offerta ha già iniziato a diminuire e, nel periodo settembre-ottobre, continuerà solo a calare a causa dei sempre più stringenti limiti alla produzione imposti nelle province dello Hebei e dello Jiangsu. Per la prossima settimana si prevede un ulteriore aumento dei prezzi dei coils laminati a caldo nel mercato interno cinese.

Ieri, 7 settembre, in base ai dati di SteelOrbis, i prezzi degli HRC sul mercato cinese si erano attestati a 5.770-5.830 RMB/t (894-903 $/t) franco magazzino, con un aumento medio di 155 RMB/t (24 $/t) rispetto al 31 agosto. Rispetto al livello dei prezzi di lunedì 6 settembre, le quotazioni locali sono aumentate di 25 RMB/t (3,9 $/t).

Sempre il 7 settembre, i prezzi dei future sugli HRC sullo Shanghai Futures Exchange (SHFE) si sono attestati a 5.821/RMB/t (902 $/t), in aumento di 257 RMB/t (39,8 $/t) o dello 4,62% rispetto al 31 agosto.

1 $ = 6,4533 RMB


Articolo precedente

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

24 nov | Notizie

Cina, coils a caldo: produzione in crescita nel periodo gennaio-ottobre

18 nov | Notizie

Romania, coils a caldo: prezzi locali stabili nonostante la depressione del mercato

11 nov | Piani e bramme

Piani, Turchia: scendono i prezzi a causa della scarsa domanda e dell’import aggressivo

10 nov | Piani e bramme

Cina, coils a freddo: prezzi export ancora sotto pressione, la domanda non migliora

09 nov | Piani e bramme

Coils a caldo, Turchia: prezzi import competitivi risultano in nuovi accordi

04 nov | Piani e bramme

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

04 nov | Notizie

Usa, coils laminati: prezzi locali vantaggiosi, import “poco conveniente”

02 nov | Piani e bramme

Giappone: in calo l’export di acciaio nel periodo gennaio-settembre

31 ott | Notizie

Romania: produttore taglia i prezzi dei prodotti piani, stabili i prezzi dei rivenditori locali

28 ott | Piani e bramme