HRC: ingenti vendite dalla Russia verso la Turchia, il sentiment sembra migliorare

venerdì, 03 giugno 2022 17:52:10 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il mercato turco dei coils laminati a caldo (HRC) ha finalmente iniziato a registrare un cauto ottimismo poiché gli sconti forniti in precedenza per i prodotti piani hanno portato ad alcuni scambi sul domestico e all'export alla fine di maggio. Nel frattempo, nel segmento dell'import, la Turchia ha prenotato grandi volumi di HRC provenienti dalla Russia nonostante i rischi, anche a fronte dei prezzi aggressivi e dell'assenza di solide offerte da parte di fornitori alternativi.

In particolare, secondo le fonti, lo stabilimento russo non ancora soggetto a sanzioni ha venduto fino a 70.000 tonnellate di HRC per la produzione di giugno-luglio alla Turchia e gran parte delle vendite è stata chiusa a 700 $/ton FOB, con circa 40-50 $/t di nolo stimato. SteelOrbis ha appreso che attualmente lo stesso produttore sta cercando di portare i prezzi a quota 780-800 $/ton CFR. Gli altri due fornitori con sede in Russia stanno offrendo a 750 $/ton CFR, contro offerte d'acquisto di circa 720 $/ton CFR. «Almeno MMK non sarà aggressivo in quanto non vorrà vendere a buon mercato ai rilaminatori, che quindi competeranno con il loro Metalurji», ha detto a SteelOrbis una fonte. Non ci sono state offerte irrevocabili dall'India e secondo quanto riferito i venditori stanno cercando di capire quali sono le idee degli acquirenti. Alcuni clienti hanno riferito che indicativamente le offerte dall’India si attestano a 800 $/ton CFR. Anche la Cina è inattiva poiché il prezzo FOB di 740-750 $/ton per i coils SS400 e il trasporto fino a 90-100 $/ton non corrispondono ai prezzi praticabili in Turchia.

Nel mercato interno turco i prezzi degli HRC si attestano principalmente a 820-830 $/ton franco fabbrica e fino a 840 $/ton franco fabbrica, più o meno in linea con i livelli della scorsa settimana. In tema di esportazioni, l'attività è stata piuttosto vivace a partire dalla scorsa settimana. Almeno 80.000-85.000 tonnellate di HRC sono state vendute dagli stabilimenti turchi a vari mercati, tra cui l'Europa meridionale e orientale e il Nord Africa. Secondo le fonti, la maggior parte degli affari è stata chiusa a 805-820 $/t FOB a seconda del mercato e dell'entità dell'ordine. Tuttavia, l'Ue rimane la destinazione più difficile per gli stabilimenti turchi, che hanno dazi antidumping del 4,7-7,3% in questo mercato. SteelOrbis ha appreso che mentre la Turchia cercava di non scendere sotto gli 800 $/ton FOB, sono state riportate alcune offerte d'acquisto a 750-770 $/ton FOB.

Nel segmento degli acciai rivestiti, sembra che dall'ultima settimana i produttori di zincati a caldo abbiano venduto attivamente al mercato interno e all'esportazione. Secondo le fonti, i rilaminatori turchi sono riusciti a vendere scorte di HDG a circa 900-940 $/ton franco fabbrica la scorsa settimana e sono tornati a circa 970-990 $/ton franco fabbrica nelle nuove offerte. Nel segmento dei CRC i prezzi attuali sono di circa 920-950 $/ton franco fabbrica, contro il precedente livello di 890-960 $/ton franco fabbrica. «Sembra che i livelli più bassi della scorsa settimana non ci siano più, quindi potrebbe significare che quelli erano i minimi», ha affermato un trader.


Articolo precedente

Romania, piani: mercato ancora influenzato dalle prospettive positive di UE e Asia

27 gen | Piani e bramme

Coils a caldo, Consiglio di cooperazione del Golfo: gli acquirenti accettano prezzi import più alti

27 gen | Piani e bramme

Coils laminati a caldo: in aumento i prezzi nell’Europa meridionale

27 gen | Piani e bramme

Coils laminati a caldo, ancora forti i prezzi nell’UE, previsti ulteriori aumenti

25 gen | Piani e bramme

India, coils laminati a caldo: continuano gli aumenti di prezzo export

24 gen | Piani e bramme

Turchia, coils a caldo: import in calo nel periodo gennaio-novembre

23 gen | Notizie

Turchia, coils a caldo: in calo le esportazioni nel periodo gennaio-novembre

23 gen | Notizie

Brasile, coils laminati a caldo: aumentano le offerte export

20 gen | Piani e bramme

Cina, vergella: offerte export in aumento, più competitive nell’Asia meridionale

20 gen | Lunghi e billette

UE, coils a caldo: prezzi in aumento, prospettive ancora positive

20 gen | Piani e bramme