Coils a caldo: si amplia il range dei prezzi in Europa

mercoledì, 21 luglio 2021 16:09:17 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il prezzo medio dei coils laminati a caldo (HRC) nell'Ue è rimasto stabile nell'ultima settimana, tuttavia il range si è ampliato in modo significativo. Da una parte, le vendite sono rimaste scarse a causa di fattori stagionali, scorte sufficienti, limiti di credito, prezzi elevati e lunghi tempi di consegna. Allo stesso tempo, le acciaierie continuano a vantare ottimi portafogli ordini e l'offerta resta ridotta, anche alla luce dell'eccezionale ondata di maltempo che ha colpito alcune regioni della Germania. Il gruppo tedesco ThyssenKrupp ha dichiarato la causa di forza maggiore e fermato la produzione della propria divisione siderurgica a seguito delle recenti alluvioni. Il gruppo ha chiarito di essere stato colpito in maniera lieve dalle inondazioni, tuttavia a causa dei nubifragi ci sono state interruzioni lungo le catene di approvvigionamento e consegna, in particolare a causa della sospensione dei traffici su strada, rotaia e fluviali. 
La maggior parte delle acciaierie europee è in grado di offrire volumi molto limitati per il quarto trimestre, mentre alcuni produttori sono addirittura "sold out" fino alla fine dell'anno. 

L'intervallo dei prezzi di transazione in Europa è passato dai precedenti 1.080-1.170 €/t agli attuali 1.050-1.200 €/t franco produttore. Più nello specifico, i prezzi ammontano prevalentemente a 1.050-1.130 €/t nel mercato italiano e a 1.150-1.200 €/t nel Nord Europa. Diverse fonti hanno spiegato che i prezzi in Italia si sono indeboliti a causa del calo degli acquisti nonché della presenza di offerte competitive da paesi terzi. Attualmente le offerte provenienti da diversi fonti (prevalentemente asiatiche) si attestano tra i 960 e i 1.020 €/t CFR Sud Europa. Alcuni operatori hanno sottolineato che, data la forte differenza tra i prezzi in Italia e quelli in Nord Europa, potrebbero aumentare i volumi venduti dal sud alle regioni settentrionali, ammesso che vengano risolti gli attuali problemi logistici. 

Stefano Gennari


Articolo precedente

Coils a caldo: importazioni indiane in aumento, prezzi competitivi

28 set | Piani e bramme

Coils a caldo, Cina: offerte export ancora in calo nonostante il recupero dei prezzi locali e dei future

27 set | Piani e bramme

India, coils laminati a caldo: le acciaierie si concentrano sulle vendite locali

27 set | Piani e bramme

Coils a caldo, Turchia: gli acquirenti locali preferiscono importare a prezzi inferiori

27 set | Piani e bramme

Emirati Arabi, import coils a caldo: commercio ancora fiacco, i fornitori indiani in attesa

23 set | Piani e bramme

Coils a caldo, UE: prezzi stabili, ma scorte elevate e scarsa domanda

22 set | Piani e bramme

Cina, coils a freddo: deboli i prezzi export

22 set | Piani e bramme

Turchia: dall'Asia arrivano più offerte di coils laminati a caldo

22 set | Piani e bramme

Coils laminati a caldo, Giappone: prezzi export stabili e ancora competitivi

22 set | Piani e bramme

Coils a caldo, gli esportatori indiani insistono su prezzi più alti nonostante la mancanza di acquisti

21 set | Piani e bramme