Coils a caldo: produttori europei ottimisti per il primo trimestre 2021

lunedì, 22 novembre 2021 17:24:05 (GMT+3)   |   Brescia
       

La situazione è rimasta sostanzialmente stabile nel mercato europeo dei coils laminati a caldo (HRC) nell'ultima settimana. Nonostante le attività di scambio siano rimaste ridotte, le acciaierie non hanno intenzione di abbassare i prezzi a fronte degli elevati costi di produzione, dei problemi logistici, delle previste attività di ristoccaggio e di un probabile aumento delle esportazioni verso gli Stati Uniti nei prossimi mesi a seguito dell'accordo Usa-Ue sui dazi della Section 232. Quest'ultimo fattore compenserebbe in parte la mancanza di domanda da parte dell'industria automobilistica. Nel frattempo, alcune fonti hanno suggerito che la carenza di semiconduttori potrebbe attenuarsi il prossimo anno, almeno in parte, determinando un miglioramento della domanda da parte dell'automotive.
Per quanto riguarda i prezzi, il range sul mercato spot è rimasto ampio poiché le acciaierie offrono la loro produzione di dicembre a prezzi inferiori e quella del primo trimestre a prezzi più alti. Nello specifico, i prezzi sul mercato italiano si attestano a 860-920 €/t franco produttore, mentre nel Nord Europa il range è di 960-1.030 €/t f.p. In entrambi i casi, la metà inferiore dell'intervallo riguarda i volumi di produzione di dicembre, perché l'annullamento di contratti da parte di clienti automotive ha portato a una maggior disponibilità di volumi sul mercato a pronti. Rispetto al 12 novembre, i prezzi sono calati in media di 15 €/t a livello europeo.

Nel frattempo, l'interesse degli acquirenti europeo nei confronti delle offerte da paesi terzi è rimasto estremamente debole a causa dei lunghi tempi di consegna e del rischio di pagare dazi sui volumi eccedenti le quote della salvaguardia Ue. 

Stefano Gennari


Articolo precedente

Prezzi dell’energia: un fattore chiave per il mercato metallurgico europeo nel 2022

03 feb | Notizie

Coils a caldo: le acciaierie europee mantengono alte le offerte, incerto un ulteriore aumento

02 feb | Piani e bramme

Cina, coils zincati: in leggero aumento i prezzi export, stabili i locali

02 feb | Piani e bramme

Turchia, coils laminati a caldo: trend in crescita, ma non c’è chiarezza nell’import

02 feb | Piani e bramme

Stati Uniti, coils laminati a caldo: import in calo a dicembre

02 feb | Notizie

In aumento la produzione cinese di coils a caldo nel 2022

31 gen | Notizie

Cina, in aumento i prezzi export della lamiera

30 gen | Piani e bramme

Giappone: in calo l’export di acciaio nel 2022

30 gen | Notizie

La Turchia aumenta i dazi all’importazione per i prodotti piani in acciaio

30 gen | Notizie

Romania, piani: mercato ancora influenzato dalle prospettive positive di UE e Asia

27 gen | Piani e bramme