Coils a caldo, pressioni al ribasso sulle offerte dall'India

martedì, 31 agosto 2021 17:32:34 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Nell'ultima settimana non sono state registrate vendite di coils a caldo (HRC) da parte degli esportatori indiani. I compratori asiatici vorrebbero pagare prezzi inferiori ai 900 $/t CFR, tuttavia la maggior parte dei fornitori non è disposta a tagliare le proprie offerte.

Diverse acciaierie integrate indiane non stanno offrendo materiale. Se lo facessero, dovrebbero abbassare le quotazioni dagli 860-880 $/t FOB di una settimana fa al livello di 810-820 $/t FOB, ovvero il prezzo massimo che i clienti asiatici sono disposti ad accettare. Attualmente i prezzi più bassi raggiunti dagli HRC indiani nel Sud-est asiatico ammontano a 840-850 $/t FOB, mentre in altri mercati i produttori non sono disposti a scendere al di sotto degli 880 $/t FOB. 

«Il colpo più duro per le esportazioni indiane è arrivato da mercati chiave come quello vietnamita – ha spiegato il manager di un produttore indiano –. Non solo è peggiorata l'emergenza pandemica nel paese, ma c'è stato un aumento della competizione da parte della Russia, che in Asia ha iniziato ad offrire materiale a 860 $/t CFR [attraverso i trader]. Le acciaierie indiane non sono disposte a scendere a tale livello». La stessa fonte ha ricordato che a inizio mese ci sono stati acquisti da parte di Africa e America Latina, tuttavia «si tratta di mercati nuovi e le vendite in queste regioni saranno sporadiche e non potranno in alcun modo compensare la mancanza di volumi verso le destinazioni asiatiche tradizionali».

Secondo un produttore integrato dell'India orientale, un compratore asiatico ha avviato le negoziazioni per un modesto quantitativo di HRC che un fornitore sarebbe stato disposto a vendere a 900-910 $/t CFR. Tuttavia, quest'offerta è stata rifiutata dal momento che il compratore punta a un livello di 860-880 $/t CFR. 

«I produttori indiani sono disposti a scendere a 840-850 $/t FOB, ma un livello di 860-880 $/t CFR è impossibile al momento», ha fatto sapere il rappresentante di un'acciaieria privata. 


Articolo precedente

Coils a caldo: gli esportatori indiani puntano a prezzi più alti, mood migliore

25 nov | Piani e bramme

Sudest asiatico: acciaierie attive nell’export di bramme, l’import si concentra su altre fonti

24 nov | Piani e bramme

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

24 nov | Notizie

Coils a caldo europei: i prezzi sembrano aver toccato il fondo, ma è ancora in dubbio l’aumento

23 nov | Piani e bramme

Coils a caldo, India: esportatori di nuovo competitivi nell'UE e nel Golfo dopo il ritiro della tassa sull'esportazione

22 nov | Notizie

India, coils a caldo: stabili i prezzi locali, ma si fa sentire il sentiment negativo

21 nov | Piani e bramme

Cina, lamiere d'acciaio: prezzi export stabili in seguito ad aumenti locali

21 nov | Piani e bramme

Cina, coils a caldo: produzione in crescita nel periodo gennaio-ottobre

18 nov | Notizie

Zincati a caldo, Cina: prezzi export in rialzo sulla scia dei laminati a caldo e a freddo

17 nov | Piani e bramme

Coils a caldo: i fornitori asiatici continuano a tagliare i prezzi in Europa

17 nov | Piani e bramme