Coils a caldo: mood sempre più negativo nel Sud Europa

venerdì, 17 giugno 2022 16:50:10 (GMT+3)   |   Istanbul
       

I prezzi dei coils laminati a caldo d’importazione (HRC) nell'Europa meridionale hanno mantenuto la loro tendenza al ribasso e i mood sono rimasti ampiamente negativi, dato che non vi sono segnali visibili di ripresa della domanda. In particolare, i fornitori esteri di HRC hanno nuovamente spinto i prezzi al ribasso, cercando di aumentare le vendite ovviando alla resistenza degli acquirenti a quotazioni elevate; nonostante ciò, l'attività commerciale è rimasta marginale. Inoltre, le quotazioni locali in calo hanno continuato a esercitare pressioni sul commercio di importazione.

Le offerte import di HRC sono state riportate a 790-850 €/t CFR, in calo di 10 €/t su base settimanale, con i prezzi più bassi corrispondenti alle offerte nel mercato italiano e quelli più alti in Spagna. In particolare, le offerte dalla Turchia sono state riportate a 790-800 €/t CFR Italia, dazio pagato, rispetto agli 830 €/t CFR della scorsa settimana, mentre le offerte HRC dalla Turchia alla Spagna sono state espresse intorno agli 835 €/t CFR, dazio pagato.

I fornitori asiatici, come quelli provenienti da Giappone, Taiwan e Corea del Sud, hanno offerto i loro materiali a 810-820 €/t CFR Italia, in calo di 20 €/t rispetto alla scorsa settimana. Nel frattempo, in Spagna sono state espresse offerte di HRC dall’Asia a 840-850 €/t CFR, in calo di 10 €/t CFR. Le offerte di HRC da Taiwan e dal Vietnam sono invece rimaste a 840 €/t CFR Spagna, mentre le offerte dal Giappone sono scese questa settimana da 860 €/t CFR a 850 €/t CFR Spagna.

Inoltre, sono state espresse offerte per HRC con aggiunta di boro dall'India a 780-800 €/t CFR Sud Europa, senza variazioni.

«C'è un interesse molto basso per il materiale di importazione», ha detto a SteelOrbis un insider del mercato. «Attualmente i prezzi degli HRC all'importazione sono quasi allo stesso livello dei prezzi interni, soprattutto in Italia, dove i prezzi praticabili sono a 850 €/t franco produttore e sono già state segnalate richieste a 800 €/t franco produttore».

Inoltre, i prezzi locali degli HRC nell'Europa meridionale si sono attestati a circa 840-870 €/t franco produttore, rispetto agli 890-920 €/t franco fabbrica della scorsa settimana. Questo calo è stato principalmente causato dalla debole domanda sia da parte degli utenti finali che dei distributori. Tuttavia, alcune fonti ritengono che i prezzi locali degli HRC toccheranno presto il minimo, considerando gli alti livelli dei costi di produzione.


Articolo precedente

Coils laminati a caldo: salgono i prezzi export dall’India, attenzione rivolta a UE e Golfo

07 feb | Piani e bramme

Cina: in aumento le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

07 feb | Notizie

Cina: stabili i prezzi export della lamiera, in calo il mercato locale

06 feb | Piani e bramme

Prezzi dell’energia: un fattore chiave per il mercato metallurgico europeo nel 2022

03 feb | Notizie

Coils a caldo: le acciaierie europee mantengono alte le offerte, incerto un ulteriore aumento

02 feb | Piani e bramme

Cina, coils zincati: in leggero aumento i prezzi export, stabili i locali

02 feb | Piani e bramme

Turchia, coils laminati a caldo: trend in crescita, ma non c’è chiarezza nell’import

02 feb | Piani e bramme

Stati Uniti, coils laminati a caldo: import in calo a dicembre

02 feb | Notizie

In aumento la produzione cinese di coils a caldo nel 2022

31 gen | Notizie

Cina, in aumento i prezzi export della lamiera

30 gen | Piani e bramme