Coils a caldo, gli esportatori indiani non abbassano i prezzi

mercoledì, 29 settembre 2021 10:56:12 (GMT+3)   |   Calcutta
       

Nonostante le pressioni da parte dei compratori esteri, gli esportatori indiani di coils laminati a caldo (HRC) si sono rifiutati di abbassare i prezzi nell'ultima settimana. 

I compratori del Vietnam, della Malaysia e della Corea del Sud hanno chiuso diversi acquisti negli ultimi dieci giorni, ma ora puntano a prezzi più bassi. Ciononostante, i fornitori indiani stanno offrendo materiale a non meno di 840 $/t FOB visto l'aumento dei costi di produzione dovuto soprattutto agli elevati prezzi del coking coal.

Le acciaierie indiane offrono HRC in Vietnam a 890-905 $/t CFR, mentre i trader offrono materiale a 885-890 $/t CFR. I compratori chiedono di pagare non più di 880 $/t CFR, prezzo che si traduce in 830 $/t FOB o meno. 

Le fonti hanno affermato che i margini di profitto in Asia sono inferiori a quelli che è possibile ottenere nei paesi del Golfo Persico, tuttavia in quest'ultimo caso i volumi sono ancora estremamente ridotti. Un fornitore indiano ha chiuso una vendita in Medio Oriente al prezzo di circa 850 $/t FOB, ma per volumi modesti.

«La domanda nel mercato asiatico è debole – ha commentato un trader con sede a Mumbai –. In vista del calo dei prezzi del minerale, i compratori stanno puntando a riduzioni di prezzo. I prezzi proposti tuttavia non sono accettabili per le acciaierie indiane, che ora stanno riducendo le attività all'export. Se aumenteranno i volumi offerti all'estero o meno dipenderà dalla ripresa del mercato interno». D'altro canto «l'attenzione è sulle prospettive di vendita nell'Ue per le spedizioni da gennaio in avanti, anche se non ci sono vendite in questo mercato al momento».

Il contingente tariffario Ue riferito agli HRC provenienti dall'India è già esaurito per il trimestre ottobre-dicembre. Alcune acciaierie integrate indiane hanno avviato le trattative sulle consegne da gennaio in poi al prezzo indicativo di oltre 1.000 $/t CFR. Secondo le fonti la chiusura di scambi a questo prezzo rappresenterebbe uno sviluppo positivo.


Articolo precedente

Emirati Arabi, coils a caldo: gli acquirenti hanno ancora bisogno di rifornirsi, in aumento le offerte import

07 dic | Piani e bramme

Coils a freddo, Cina: prezzi export in aumento grazie al rafforzamento del mercato locale e al miglioramento del mood

07 dic | Piani e bramme

India, coils a caldo: prospettive migliori, acciaierie aumentano i prezzi export

06 dic | Piani e bramme

Cina, coils a caldo: prezzi export in rialzo nonostante la scarsità di clienti

06 dic | Piani e bramme

Coils a caldo, Turchia: prezzi locali e import ancora in rialzo

06 dic | Piani e bramme

Cina, export lamiera: prezzi stabili, ma migliora l’umore

05 dic | Piani e bramme

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

05 dic | Notizie

Coils a caldo, Europa: stop al calo dei prezzi, in aumento le offerte import

01 dic | Piani e bramme

Giappone: esportazioni di acciaio in calo nel periodo gennaio-ottobre

01 dic | Notizie

Cina, laminati a caldo: offerte export in aumento per via dei future più forti, domanda problematica

29 nov | Piani e bramme