Coils a caldo: ferme le vendite dei produttori indiani in Asia

mercoledì, 15 settembre 2021 10:28:39 (GMT+3)   |   Calcutta
       

I produttori indiani hanno smesso di offrire coils laminati a caldo (HRC) in Vietnam nell'ultima settimana, mentre hanno deciso di concentrarsi sulla regione del Golfo Persico nonostante le scarse opportunità di vendita. 

I prezzi degli HRC SAE1006 indiani si attestano principalmente a 840-850 $/t FOB, contro gli 840-880 $/t FOB di una settimana fa. Il limite superiore del range si è abbassato in linea con il calo dei prezzi in Medio Oriente. Attualmente non vengono considerati i prezzi praticabili in Europa, poiché ancora non sono state registrate transazioni. 

Le acciaierie indiane si sono rifiutate di scendere al di sotto degli 820 $/t FOB, come chiedevano i clienti asiatici, in particolare vietnamiti. In Asia la richiesta, influenzata pesantemente dall'emergenza pandemica, è così debole che un abbassamento dei prezzi non determinerebbe alcun aumento significativo degli scambi. 

Fonti hanno spiegato che, nonostante i volumi venduti nella regione del Golfo Persico siano inferiori a quelli normalmente scambiati in Asia, i prezzi sono rimasti vantaggiosi per i produttori indiani. Questi ultimi allo stesso tempo stanno cogliendo l'opportunità di muovere le proprie scorte in un periodo in cui le vendite scarseggiano sul mercato domestico. 

«Non crediamo che portare le offerte al livello di 800 $/t FOB farebbe alcuna differenza nei mercati asiatici – ha commentato un manager di ArcelorMittal Nippon Steel Limited –. La domanda semplicemente non c'è a causa del peggioramento della situazione pandemica». 

«La maggior parte delle acciaierie – ha continuato la fonte – non è disposta a scendere al di sotto degli 820 $/t FOB. Se non ci sono compratori, pazienza. Scendere oltre un certo livello di prezzo può essere controproducente nei mercati ciclici. Dobbiamo superare l'attuale depressione della domanda con una maggiore attenzione sul mercato locale e lo sviluppo di nuove destinazioni».

Almeno due acciaierie private hanno affermato di aver avviato le trattative con i loro clienti nell'Ue per le consegne di gennaio e, quindi, per un periodo in cui saranno disponibili nuove quote di salvaguardia. Questa è stata un'altra ragione per cui i fornitori indiani sono stati restii a ridurre fortemente i prezzi in Asia. 

Nel frattempo, la maggior parte delle offerte indiane per gli Emirati Arabi si attesta a 920-930 $/t CFR, rispetto al precedente livello di 950-960 $/t CFR. I nuovi pezzi corrispondono a cira 850 $/t FOB. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un'acciaieria dell'India occidentale ha venduto 10.000 tonnellate di HRC a un cliente in Medio Oriente (non negli Emirati Arabi) a un prezzo attorno agli 820 $/t FOB. Tuttavia, si è trattato di coils di qualità inferiore al normale. Un altro compratore della regione del Golfo ha ordinato 8.000 tonnellate di HRC a 830 $/t FOB. 


Articolo precedente

Coils a caldo: gli esportatori indiani puntano a prezzi più alti, mood migliore

25 nov | Piani e bramme

Sudest asiatico: acciaierie attive nell’export di bramme, l’import si concentra su altre fonti

24 nov | Piani e bramme

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

24 nov | Notizie

Coils a caldo europei: i prezzi sembrano aver toccato il fondo, ma è ancora in dubbio l’aumento

23 nov | Piani e bramme

Coils a caldo, India: esportatori di nuovo competitivi nell'UE e nel Golfo dopo il ritiro della tassa sull'esportazione

22 nov | Notizie

India, coils a caldo: stabili i prezzi locali, ma si fa sentire il sentiment negativo

21 nov | Piani e bramme

Cina, lamiere d'acciaio: prezzi export stabili in seguito ad aumenti locali

21 nov | Piani e bramme

Cina, coils a caldo: produzione in crescita nel periodo gennaio-ottobre

18 nov | Notizie

Zincati a caldo, Cina: prezzi export in rialzo sulla scia dei laminati a caldo e a freddo

17 nov | Piani e bramme

Coils a caldo: i fornitori asiatici continuano a tagliare i prezzi in Europa

17 nov | Piani e bramme