Brasile: esportatori di bramme intenzionati ad aumentare i prezzi

lunedì, 18 febbraio 2019 11:23:30 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Non sono ancora iniziate le trattative per le vendite di bramme dal Brasile con consegna ad aprile e a maggio, tuttavia i produttori brasiliani hanno ancora intenzione di aumentare i prezzi di circa 40 dollari, rispetto agli attuali 450-460 $/t FOB per l'export verso gli USA e ai 405-410 $/t FOB per altre destinazioni. 

Secondo le fonti, l'aumento sarebbe mirato a compensare l'aumento dei costi, legato principalmente al minerale di ferro e al rottame. 

Secondo i dati ufficiali, a gennaio il Brasile ha esportato 699.000 tonnellate di bramme a un prezzo medio di 492 $/t FOB. Le principali destinazioni sono state gli USA (390.700 t), l'Italia (134.800 t), la Germania (62.800 t), il Belgio (50.600 t) e il Canada (37.800 t). I principali esportatori sono stati Pecem (283.900 t), ArcelorMittal Tubarao (217.100 t), Ternium (177.900 t) e CSN (20.100 t). 


Ultimi articoli collegati

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana

USA: prezzi degli zincati a caldo invariati ma potrebbero calare a febbraio

JSW rimanda il completamento dell'espansione produttiva a Dolvi

Billette, previsto un aumento delle vendite dall'Iran