Turchia: mercato del tondo ancora in balia dei tassi di cambio

martedì, 30 aprile 2019 09:55:01 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Ieri 29 aprile, il lieve rafforzamento della lira turca rispetto al dollaro USA ha portato i prezzi del tondo a calare leggermente nelle regioni turche di Izmir e Marmara. Nel frattempo, i prezzi sono rimasti invariati nelle regioni di Karabuk e Iskenderun, dove già si attestavano a livelli ritenuti bassi. Attualmente i commercianti locali offrono tondo a un prezzo di 3.300-3.380 TRY/t franco magazzino, IVA 18% inclusa. Fonti locali hanno riferito che la domanda risulta ancora debole a fronte delle oscillazioni di cambio. Ciononostante, i commercianti prevedono di registrare un incremento degli ordini prima dell’inizio del Ramadan.

Intanto, ieri l produttore turco Icdas ha aggiornato il proprio listino comunicando un prezzo pari a 2.860 TRY/t (481 $/t) franco produttore per il materiale da 12-32 mm. Allo stesso tempo, Izmir Demir Celik ha comunicato un prezzo di 2.2856 TRY/t (481 $/t) f.p. (prezzi IVA esclusa). Icas ha ridotto i prezzi di 20 TRY/t, Izmir di 25 TRY/t.

Di seguito sono riportate le quotazioni rilevate ieri 29 aprile in Turchia sul mercato spot:

Regione

Dimensioni

Prezzo (TRY/t)

Prezzo ($/t)

Variaz. prezzo (TRY/t)
rispetto al 26.04.2019

TRY/t

$/t

Marmara

8 mm

2.864

482

9

1

Marmara

12 mm

2.847

479

9

1

Iskenderun

8 mm

2.822

475

 

0

1

Iskenderun

10 mm

2.809

473

 

0

1

Iskenderun

12 mm

2.797

471

 

0

1

Izmir

8 mm

2.839

478

17

2

Izmir

10 mm

2.831

477

16

2

Izmir

12 mm

2.822

475

17

2

Karabuk

8 mm

2.822

475

 

0

1

Karabuk

12 mm

2.805

472

 

0

1

Prezzi franco magazzino, IVA esclusa.

1 $ = 5,94 TRY


Ultimi articoli collegati

Tubi, prezzi cinesi stabili ma la domanda non migliora

Coils a caldo, ancora scarsamente competitive le offerte dall'India

Coils a caldo, prezzi stabili in Italia mentre continuano a crescere nel Nord Europa

ArcelorMittal Kryviy Rih avvia i test a caldo presso la nuova colata continua

Ricavi in calo per China Steel Corporation a gennaio