Billette, pressioni ribassiste sulle offerte dai paesi CIS

venerdì, 30 marzo 2018 11:32:52 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il trend rialzista delle billette provenienti dai paesi CIS si è interrotto la scorsa settimana per lasciare spazio ai ribassi. Rispetto a sette giorni fa, i prezzi sono calati di 15-20 $/t a causa della scarsa domanda, posizionandosi attorno ai 530-540 $/t FOB. 

Sul mercato siderurgico mondiale si respira un clima di forte incertezza a causa del dazio statunitense del 25% sulle importazioni di acciaio e della recente apertura da parte della Commissione UE di un'indagine di salvaguardia sulle importazioni siderurgiche. 

I compratori internazionali si aspettano un calo dei prezzi dell'acciaio, motivo per cui stanno premendo per un calo delle quotazioni delle billette provenienti dai paesi CIS. Intanto, i prezzi delle billette cinesi sono scesi a quota 480-505 $/t FOB, contribuendo a premere negativamente sui prezzi delle billette provenienti dall'area CIS. Gli operatori di mercato ritengono che, se la domanda di acciaio non mostrerà segni di miglioramento in Cina, i fornitori cinesi ridurranno ulteriormente i prezzi sull'export, e i prezzi delle billette continueranno a subire pressioni ribassiste a livello mondiale. Nel frattempo, anche il calo dei prezzi mondiali del rottame sta influenzando negativamente il mercato delle billette.

Nell'ultima settimana i prezzi delle billette in partenza dall'area CIS e destinate in Turchia sono calati mediamente di 20 $/t, a 550-555 $/t CFR. Allo stesso tempo, le offerte con destinazione Egitto si attestano a 550-560 $/t CFR. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: Kardemir vende oltre 60.000 tonnellate di billette

Turchia: Kardemir abbassa i prezzi di billette, tondo e vergella

Billette, esportatori CIS poco propensi a concedere sconti

Billette, in assenza dei compratori asiatici i produttori CIS abbassano i prezzi

Billette CIS, prezzi schiacciati tra bassa domanda e maggiori tassi di nolo