Billette, gli esportatori dei paesi CIS non intervengono sui prezzi

venerdì, 20 aprile 2018 09:44:45 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Sul mercato siderurgico internazionale continua a prevalere l'incertezza dovuta alla recente proliferazione di misure e indagini protezionistiche. Questa ha influenzato anche le vendite degli esportatori di billette dei paesi CIS, dal momento che i compratori si stanno limitando ad acquistare lo stretto necessario. Dopo aver iniziato a tendere al ribasso alla fine di marzo, i prezzi delle billette sono rimasti invariati nell'ultima settimana (500-520 $/t FOB), supportati dal rialzo delle billette cinesi. Ciononostante, le quotazioni del rottame sono diminuite a livello internazionale e la domanda di billette resta debole.

Le offerte in partenza dai paesi CIS per Turchia ed Egitto sono rimaste stabili rispetto a sette giorni fa, cioè rispettivamente a 520-535 $/t e 520-540 $/t CFR. Secondo quanto appreso da SteelOrbis, la domanda riscontrata in questi mercati risulta scarsa. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: Kardemir vende oltre 60.000 tonnellate di billette

Turchia: Kardemir abbassa i prezzi di billette, tondo e vergella

Billette, esportatori CIS poco propensi a concedere sconti

Billette, in assenza dei compratori asiatici i produttori CIS abbassano i prezzi

Billette, offerte dai paesi CIS in rialzo grazie alla domanda asiatica