Billette, fornitori dei paesi CIS più aggressivi nel Far East e in Africa

giovedì, 25 ottobre 2018 16:58:29 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell'ultima settimana i produttori di billette dei paesi CIS hanno continuato a riscontrare una scarsa domanda nei mercati internazionali. La Turchia, un tempo tra i principali mercati di sbocco, è attualmente un esportatore di billette, mentre in Egitto la domanda di acciai lunghi non mostra segni di ripresa da lungo tempo. Di conseguenza, i fornitori dell'area CIS stanno cercando di compensare la perdita dei loro mercati tradizionali adottando una strategia di prezzo aggressiva in mercati come quelli del Far East e dell'Africa. 

Secondo quanto appreso da SteelOrbis, un produttore dei paesi CIS ha chiuso una vendita di billette nel Sudest asiatico a un prezzo di 500 $/t CFR. Intanto, le offerte destinate in Egitto sono rimaste posizionate tra i 475 e i 485 $/t CFR. In generale, le offerte dei fornitori di billette dei paesi CIS hanno evidenziato un calo mediamente pari a 10 dollari nell'ultima settimana, collocandosi a un livello di 455-460 $/t FOB. 


Ultimi articoli collegati

Turchia: Kardemir vende oltre 60.000 tonnellate di billette

Billette, esportatori CIS poco propensi a concedere sconti

Billette, in assenza dei compratori asiatici i produttori CIS abbassano i prezzi

Billette CIS, prezzi schiacciati tra bassa domanda e maggiori tassi di nolo

Billette, offerte dai paesi CIS in rialzo grazie alla domanda asiatica