Billette, esportatori dei paesi CIS costretti ad abbassare i prezzi

giovedì, 26 luglio 2018 15:38:04 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A dispetto del movimento ribassista dei prezzi internazionali del rottame, i fornitori di billette dei paesi CIS hanno mantenuto le loro offerte stabili per la maggior parte del mese di luglio grazie al supporto del mercato domestico e, sempre internamente, all'incremento della domanda di tondo. Ciononostante, nell'ultima settimana gli stessi fornitori, a causa della discesa del rottame e della debolezza della domanda estera, sono stati costretti ad abbassare le proprie offerte di 5-10 dollari, a 500-510 $/t FOB. 

Con questa riduzione, le offerte destinate alla Turchia e all'Egitto, dove la domanda di billette risulta ancora debole, sono scese rispettivamente a quota 510-520 e a 520-530 $/t CFR. In questi paesi la domanda non sembra destinata a migliorare a breve: in Egitto i prezzi del tondo si sono indeboliti, mentre per gli acciai lunghi turchi la domanda risulta ancora scarsa sia sul mercato domestico che all'estero. 


Ultimi articoli collegati

Billette, i produttori CIS alzano le offerte

Billette, prezzi CIS trascinati dal rialzo del rottame

Billette, i produttori dei paesi CIS alzano i prezzi causa "sold out"

Billette, stabili i prezzi CIS in diversi grossi scambi

L'Egitto esonera produttori dal dazio del 10%, impatto positivo sul segmento dei piani