Billette, confusione nelle offerte dai paesi CIS

giovedì, 18 aprile 2019 15:52:10 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La notizia dell'istituzione di un dazio temporaneo da parte del governo egiziano sulle importazioni di tondo e billette ha mandato nel panico alcuni fornitori di billette dei paesi CIS, che hanno iniziato negli ultimi giorni ad offrire materiale a prezzi più bassi di quelli della scorsa settimana, nonostante la recente ripresa delle quotazioni del rottame. Così, mentre le trading company hanno abbassato le proprie offerte fino a 422 $/t FOB, i produttori stanno cercando di far sì che i prezzi restino pari a 430-435 $/t FOB vista la tendenza rialzista del rottame. 

Vi è confusione anche in merito alle offerte con destinazione Turchia, altro importante mercato per gli esportatori di billette dei paesi CIS. Si vocifera di una transazione chiusa a 435 $/t CFR, ma SteelOrbis non ha potuto ottenerne conferma da nessuna delle parte coinvolte. Un'acciaieria turca riferisce di aver ricevuto un'offerta a 445 $/t CFR porti del mar Nero, tuttavia la maggior parte delle offerte si attesta tra i 445 e i 450 $/t CFR Turchia ed è raro trovarne al di sotto di tale livello. 


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione di acciaio grezzo in crescita nel 2019

Minerale di ferro in ripresa, cresce la domanda per il materiale di qualità

Tubi saldati, stabili le offerte turche ma con sconti su grossi volumi

India: il rafforzamento della rupia sostiene i prezzi degli zincati a caldo all'export

Rottame, significativo calo del prezzo nell'ultimo scambio USA-Turchia