Wood Mackenzie: la decarbonizzazione dell'industria siderurgica richiede un investimento di 14.000 miliardi di dollari

venerdì, 23 settembre 2022 11:51:19 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La società scozzese di ricerca e consulenza energetica Wood Mackenzie ha pubblicato un rapporto in cui afferma che la decarbonizzazione dell'industria dell'acciaio e del minerale di ferro entro il 2050, in linea con l'accordo di Parigi sul clima, richiederà 14.000 miliardi di dollari di investimenti, in ogni fase della catena del valore.

Secondo il rapporto, la produzione di ferro e acciaio emette complessivamente 3,4 miliardi di tonnellate di carbonio all'anno, pari al 7% delle emissioni globali. Per ridurre le emissioni delle infrastrutture esistenti per la produzione dell'acciaio attraverso la creazione di nuovi impianti di produzione di preridotto (DRI) a base di idrogeno e forni elettrici ad arco, saranno essenziali 800-900 miliardi di dollari.

«Le aziende minerarie dovranno investire in nuove miniere di alta qualità e capacità di pellet per alimentare l'acciaio verde. A sua volta, ciò richiederà cinque volte l'attuale fornitura di pellet di alta qualità, un equivalente a 750 milioni di tonnellate, che si traduce in un investimento di 250-300 miliardi di dollari», ha affermato Malan Wu, direttore della ricerca presso Wood Mackenzie.

Il rapporto sollecita la necessità di investire 200-250 miliardi di dollari in misure di compensazione del carbonio, come la cattura, l'utilizzo e lo stoccaggio del carbonio, poiché l'industria siderurgica dovrà catturare e immagazzinare 470 milioni di tonnellate di carbonio per raggiungere il suo obiettivo di emissioni nel 2050.

Per raggiungere lo zero netto, tre quarti della produzione di acciaio dovranno utilizzare tecnologie a basse emissioni di carbonio, richiedendo la commercializzazione e l'adozione di nuove tecnologie come DRI funzionanti con energia rinnovabile.

Le tattiche e le strategie di mitigazione del carbonio varieranno ampiamente, con i paesi a economie mature - come l'UE, gli Stati Uniti, il Giappone e la Corea del Sud - che spendono il 50% in più rispetto alle economie emergenti.


Articolo precedente

Tata Steel UK: migliorata la linea di ricottura in continuo dell’impianto di Trostre

29 lug | Notizie

Tata Steel UK realizzerà una nuova linea di taglio nel laminatoio di Hartlepool

15 giu | Notizie

British Steel, approvato investimento di 26 milioni di sterline nell'unità Special Profiles

13 giu | Notizie

British Steel ottiene finanziamento per studio sull'idrogeno verde

01 giu | Notizie

Tata Steel UK sostituirà uno dei due laminatoi a freddo di Corby

11 apr | Notizie

Liberty Magona aumenterà la capacità di oltre il 20% quest'anno

08 mar | Notizie

British Steel investe in nuovi impianti di lavorazione a Skinningrove

19 gen | Notizie

La polacca JSW fornirà carbone da coke a Moravia Steel

18 gen | Notizie

ArcelorMittal Bremen, 10 milioni di euro per passare all'idrogeno verde

29 dic | Notizie

Cop 26, 33 paesi verso la vendita di veicoli a emissioni zero

12 nov | Notizie