Vulcan Steel chiede dazi contro le importazioni di barre filettate da quattro paesi

martedì, 26 febbraio 2019 10:58:52 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto dichiarato dallo studio legale Schagrin Associates, il produttore siderurgico statunitense Vulcan Steel Products Inc. ha richiesto un’indagine antidumping e antisussidi contro le importazioni di barre filettate in acciaio legato o al carbonio provenienti da Cina, India, Taiwan e Tailandia, sostenendo che tali importazioni stiano causando un danno materiale all’industria domestica.

Vulcan Steel afferma che tra il 2016 e il 2018 le importazioni annue di barre filettate da questi quattro paesi hanno registrato aumenti del 41,7% nel volume e del 64,7% nel valore.

Secondo quanto riportano i media, i presunti margini calcolati dalla società si attestano tra il 53,57% e il 55,6% per la Cina, tra il 25,43% e il 28,34% per l’India e al 32,1% per Taiwan; il margine calcolato per la Tailandia non è ancora disponibile.

I prodotti in oggetto sono attualmente classificabili nella Harmonized Tariff Schedule of the United States (HTSUS) ai codici 7318.15.5051, 7318.15.5056 e 7318.15.5090. Potrebbero rientrare anche i prodotti classificabili ai codici 7318.15.2095 e 7318.19.0000 dell’HTSUS.


Ultimi articoli collegati

DOC USA conferma elusione dazio antidumping sul tondo da parte di un produttore messicano

Canada: indagine antidumping sull'import di lamiere di treno

USA: nuova inchiesta su possibile elusione su piani inox dalla Cina

USA: Italia tra i paesi nel mirino di indagini sulle importazioni di PC strand

USA: avvio di un'indagine sull'import di componenti per trasformatore elettrico