Vale smentisce una possibile riduzione delle forniture di minerale

lunedì, 25 gennaio 2021 17:16:45 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Il gruppo minerario Vale ha smentito la previsione di BTG Pactual su una possibile riduzione della produzione di minerale di ferro per il 2021. 

Vale ha affermato che il terminal colpito di recente da un incendio ha una capacità di esportazione annua di minerale pari a 230 milioni di tonnellate, tre moli, cinque banchine di attracco e otto caricatori di navi. L’incidente ha colpito uno dei due caricatori di navi del terminal n. 6, conosciuto come CN6, mentre il CN7 è rimasto indenne. Il gruppo siderurgico ha dichiarato che le esportazioni riprenderanno la prossima settimana. 

Secondo la società «non ci sarà alcun impatto sul programma mensile di spedizione del minerale di ferro a fronte della stagionalità della produzione del Sistema Settentrionale, della stagione delle piogge del Nord del Brasile e della produzione prevista per il Sistema Settentrionale, che è inferiore alla capacità di spedizione di 230 milioni di tonnellate all'anno». 

Vale prevede di concludere gli interventi di manutenzione presso il caricatore CN6 entro il primo semestre di quest'anno.


Ultimi articoli collegati

Vale incorpora tre società per ridurre i costi

Vale, quest'anno la capacità produttiva potrebbe aumentare di 49 milioni ton

Vale, raggiunto accordo da 7 miliardi di dollari per il disastro di Brumadinho

Vale, produzione di minerale ferroso pressoché stabile nel 2020

Produzione messicana di pellet in calo a novembre