Vale, pubblici ministeri smentiscono la ripresa delle operazioni a Timbopeba

mercoledì, 06 maggio 2020 11:35:16 (GMT+3)   |   San Paolo
       

I procuratori dello stato brasiliano del Minas Gerais hanno smentito le affermazioni di Vale secondo cui un accordo congiunto avrebbe consentito al gruppo minerario di riprendere questa settimana le operazioni di lavorazione a secco nella miniera di Timbopeba.
Vale aveva dichiarato che avrebbe ripreso le attività a seguito di un audit supervisionato dai procuratori statali del Minas Gerais e Vale, nell'ambito di un accordo giudiziario. Tuttavia, i pubblici ministeri sostengono che l'affermazione di Vale non sia accurata.

I pubblici ministeri hanno affermato che, secondo la clausola n. 6 dell'accordo, Vale «non dovrà rilasciare nuovi rifiuti nella diga di Doutor né svolgerà alcuna attività che aumenterebbe il rischio per la struttura. [...] Un'eventuale ripresa delle attività minerarie di Timbopeba si verificherà solo se non vi sono maggiori rischi per le dighe di Doutor, Natividade e Timbopeba».

I pubblici ministeri hanno inoltre sottolineato che società di revisione esterne e pubblici ministeri non hanno l'autorità per autorizzare la ripresa delle attività minerarie.


Ultimi articoli collegati

Vale: nessuna importante acquisizione in vista

Brasile: Brumadinho limita le attività delle aziende minerarie

Vale, il coronavirus mette a rischio la produzione di minerale

Corte brasiliana confisca 19 milioni di dollari a Vale

Vale investe nella sua linea ferroviaria di Carajas