Vale, previsioni finanziarie positive per il 2021

lunedì, 11 gennaio 2021 16:16:08 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Il gruppo minerario brasiliano Vale dovrebbe registrare risultati positivi nel 2021, nonostante le previsioni di una produzione ancora limitata secondo gli analisti.

Secondo Agencia CMA, gli svantaggi del gruppo minerario verranno compensati dall’aumento dei prezzi all’esportazione del minerale di ferro e da un potenziale accordo tra Vale e lo stato del Minas Gerais nella risoluzione della disputa riguardante Brumadinho.

Nel 2021, Vale prevede di produrre 315-335 milioni di tonnellate di minerale di ferro, in diminuzione rispetto alla precedente stima di 375-395 milioni di tonnellate. Le previsioni della società per il 2020 erano state di 300-305 milioni di tonnellate.

Pedro de Marco, analista di Reach Capital, ha affermato che Vale può offrire minerale di ferro di qualità superiore per compensare la minor produzione, e ha sottolineato che la produzione della materia prima di alta qualità sta incrementando presso il sistema produttivo di Norte.

Henrique Esteter, analista di Guide Investimentos, ha dichiarato che nel 2021 la società dovrebbe ancora beneficiare dell'aumento dei prezzi del minerale di ferro.

Gli analisti di Bradesco BBI, infine, hanno affermato che le trattative per un accordo con lo stato del Minas Gerais su Brumadinho sono «in una fase avanzata» con Vale che ha già suggerito per l’accordo uno stanziamento di 21,6 miliardi di real brasiliani (4 miliardi di dollari).


Ultimi articoli collegati

Società intermediaria sulla brasiliana CSN: «Sta attraversando un periodo eccellente» 

Minerale di ferro, in rialzo i prezzi brasiliani

Samarco pronta ad esportare pellet in Europa

Timori legati all'offerta, il minerale di ferro supera i 170 $/t

Usiminas, produzione e vendita di acciai finiti in ripresa nel post-emergenza