Vale, il tribunale respinge le accuse contro i dirigenti di Vale e BHP

lunedì, 30 settembre 2019 16:05:02 (GMT+3)   |   San Paolo
       

Secondo quanto riportato dai media locali, un giudice brasiliano ha respinto le accuse dei procuratori federali contro sei dirigenti di Vale e due di BHP in relazione al crollo della diga di Samarco che causò la morte di 19 persone e l’interruzione della produzione di pellet. La procura del Pubblico Ministero Federale (MPF) ha dichiarato che presenterà ricorso contro la decisione.

Il giudice ha riferito che gli accusati non possono essere coinvolti nel procedimento legale in quanto al tempo degli accadimenti non ricoprivano ruoli dirigenziali.

All’inizio di quest’anno un altro tribunale aveva impedito che alcuni funzionari di Vale, Samarco e BHP venissero incriminati per omicidio. Gli stessi saranno accusati però di crimini ambientali.


Ultimi articoli collegati

Brasile: esportazioni di minerale ferroso in calo a maggio

Vale rischia sanzione da 1,5 miliardi di dollari per corruzione

Vale riprende le operazioni nel suo terminal in Malaysia

Vale: entro il 2021 il recupero di 44 milioni di tonnellate di capacità produttiva

Vale, risarcimento milionario a una famiglia vittima dell'incidente di Brumadinho