USA: importazioni di coils laminati a caldo in calo nel 2017

lunedì, 05 febbraio 2018 11:22:21 (GMT+3)   |   San Diego
       

Secondo i dati preliminari comunicati dal Dipartimento del Commercio statunitense, le importazioni negli USA di fogli laminati a caldo (HRC) nel mese di dicembre si sono attestate a 138.647 tonnellate, in calo dell’8,9% rispetto a novembre e del 5,6% rispetto a dicembre 2016. Queste importazioni hanno generato un valore di 88,9 milioni di dollari a dicembre, rispetto ai 102,4 milioni di dollari del mese precedente e agli 80,4 milioni di dollari di dicembre 2017.

La maggior parte degli HRC è stata importata negli Stati Uniti dal Canada, con 86.214 tonnellate, rispetto alle 76.171 tonnellate di novembre ed alle 64.315 tonnellate di dicembre 2016. Altre fonti rilevanti di HRC per gli USA sono state l’Olanda con 13.331 tonnellate, il Messico con 11.895 tonnellate, la Turchia con 9.619 tonnellate, la Germania con 6.734 tonnellate e Svezia con 3.450 tonnellate.

Per quanto riguarda l’intero 2017, le importazioni di HRC sono ammontate a 1.919.229 tonnellate, in calo del 26,5% rispetto alle 2.610.488 tonnellate importate nel 2016. Il valore generato da queste importazioni ha raggiunto gli 1,21 miliardi di dollari, rispetto agli 1,31 miliardi di dollari del 2016.

I principali fornitori di HRC per gli Stati Uniti nel 2017 sono stati il Canada, con 868.192 tonnellate; il Giappone, con 244.980 tonnellate; la Corea, con 160.846 tonnellate; il Messico, con 121.971 tonnellate; l’Olanda, con 107.186 tonnellate.


Ultimi articoli collegati

Italia: produttore di coils a caldo alza i prezzi

Minerale di ferro, prezzi al 28 febbraio

Italia: rialzo dei prezzi del tondo a rischio causa coronavirus

Cina: prezzi di molibdeno, ferromolibdeno, cromo e ferrocromo – settimana 9

Assofond: produzione delle fonderie in calo nel quarto trimestre