USA: importazioni di coils a freddo in calo a luglio

mercoledì, 08 settembre 2021 12:43:24 (GMT+3)   |   San Diego
       

Secondo i dati definitivi del Dipartimento del Commercio USA, nel mese di luglio di quest'anno le importazioni di coils laminati a freddo (CRC) negli Stati Uniti sono state pari a 129.918 tonnellate, dato in calo del 13,8% rispetto a giugno ma in aumento del 62,2% rispetto a luglio 2020. In valore, l'import di CRC è ammontato a 157,3 milioni di dollari, contro i 175,8 milioni del mese precedente e i 58,6 milioni di luglio 2020. 

Gli USA hanno importato la maggior parte dei CRC dal Canada: 42.128 tonnellate, rispetto alle 45.836 tonnellate di giugno e alle 29.587 tonnellate di luglio 2020. Altre fonti di rilievo sono state l'Australia con 16.444 tonnellate, il Messico con 11.921 tonnellate, la Corea del Sud con 10.635 tonnellate e il Regno Unito con 10.461 tonnellate.


Articolo precedente

Giappone: spedizioni di nastri laminati a freddo in aumento a settembre

24 nov | Notizie

Cina: in calo le scorte dei principali prodotti siderurgici finiti

24 nov | Notizie

Cina, coils a freddo: prezzi stabili, prospettive negative

23 nov | Piani e bramme

Cina, coils a caldo: produzione in crescita nel periodo gennaio-ottobre

18 nov | Notizie

Cina, coils a freddo: prezzi export in rialzo a seguito di aumenti locali, future più forti

16 nov | Piani e bramme

Usa: export di coils a freddo in calo a settembre

15 nov | Notizie

Turchia, coils a freddo: import in calo nel periodo gennaio-settembre

14 nov | Notizie

Romania, coils a caldo: prezzi locali stabili nonostante la depressione del mercato

11 nov | Piani e bramme

Piani, Turchia: scendono i prezzi a causa della scarsa domanda e dell’import aggressivo

10 nov | Piani e bramme

Cina, coils a freddo: prezzi export ancora sotto pressione, la domanda non migliora

09 nov | Piani e bramme