USA: importazioni di coils a caldo in diminuzione a gennaio

mercoledì, 03 marzo 2021 11:29:11 (GMT+3)   |   San Diego
       

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha comunicato che nel mese di gennaio le importazioni negli USA di coils laminati a caldo (HRC) sono state pari a 149.513 tonnellate, dato in diminuzione del 18,9% rispetto a dicembre e del 22,9% rispetto a gennaio 2020. In valore l'import di HRC è ammontato a 85,5 milioni di dollari, contro i 94,3 milioni del mese precedente e gli 85,9 milioni di gennaio 2020.

Gli USA hanno importato la maggior parte dei volumi dal Canada: 91.828 tonnellate, rispetto alle 86.762 tonnellate di dicembre e alle 114.801 tonnellate di gennaio 2020. Altre fonti di rilievo sono state la Corea del Sud con 24.184 e il Giappone con 2.364 tonnellate.


Articolo precedente

Turchia, coils a caldo: volume delle esportazioni diminuito tra gennaio e giugno

05 ago | Notizie

Coils a caldo: il mercato Ue rallenta in vista delle vacanze

04 ago | Piani e bramme

Cina: scorte dei principali prodotti finiti in calo a fine luglio

04 ago | Notizie

Cina, coils a freddo: gli esportatori si preparano a un aumento dei prezzi

03 ago | Piani e bramme

Cina, laminati a caldo: offerte export in rialzo

02 ago | Notizie

USA, importazioni di coils a caldo in crescita a giugno

02 ago | Notizie

Cina, lamiere: prezzi all’export invariati, sostenuti dai guadagni locali

01 ago | Piani e bramme

Giappone: esportazioni di acciaio in aumento nel periodo gennaio-giugno

29 lug | Notizie

Brasile, coils a caldo: in calo le offerte di esportazione

29 lug | Piani e bramme

Turchia, coils a caldo: prezzi locali e per l’esportazione in calo

29 lug | Piani e bramme