Usa e Ue raggiungono l'intesa su acciaio e alluminio

martedì, 02 novembre 2021 11:06:33 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno raggiunto un'intesa commerciale su acciaio e alluminio e sulla lotta all'eccesso di capacità a livello globale. Termina così la disputa commerciale nata nel 2018 durante il mandato di Donald Trump, quando l'ex presidente americano impose dazi per il 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle di alluminio provenienti da diverse regioni del mondo, tra cui l'Ue. L'accordo è stato annunciato lo scorso 31 ottobre dal segretario al commercio americano Gina Raimondo e dalla rappresentante del commercio Katherine Tai sabato a margine del vertice delle 20 maggiori potenze economiche a Roma.

Da parte sua Bruxelles rimuoverà i dazi su una serie di prodotti importati dagli Usa. La rimozione delle misure commerciali Usa contro l'Ue, secondo la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, «permetterà al commercio transatlantico di acciaio e alluminio di tornare ai livelli registrati prima dell'applicazione di queste tariffe. A seguito di questa decisione – ha aggiunto – sono lieta di annunciare che anche la Commissione proporrà di sospendere le tariffe che avevamo introdotto».

«Con questro accordo si apre una nuova era per la cooperazione transatlantica», ha ribattutto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

L'accordo viene siglato in nome della rinnovata amicizia tra Usa e Ue, ma anche per il percorso comune verso la neutralità climatica. «La produzione di acciaio è una delle maggiori fonti di emissioni di carbonio a livello globale. Affinché il consumo e il commercio di acciaio siano sostenibili, dobbiamo affrontare l'intensità di carbonio del settore. Dobbiamo anche affrontare i problemi di sovraccapacità», ha spiegato von der Leyen.

Bruxelles e Washington negli ultimi mesi hanno lavorato duramente per raggiungere un accordo prima del primo dicembre, quando i dazi di ritorsione europei sarebbero raddoppiati. L'intesa raggiunta dovrebbe introdurre un sistema di quote tariffarie basate sui volumi di acciaio e alluminio che verranno esportati da ambo le parti. Inoltre, in futuro Usa e Ue negozieranno accordi per quanto riguarda l'intensiva di carbonio delle industrie dell'acciaio e dell'allumnio. Entrambe le parti amplieranno il loro coordinamento in materia di misure correttive commerciali e questioni doganali e si incontreranno regolarmente per consultarsi e sviluppare ulteriori azioni per affrontare la capacità in eccesso.

Nel frattempo, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha annunciato che anche Usa e Regno Unito si stanno consultando su questioni relative all'acciaio e all'alluminio, con particolare attenzione agli impatti dell'eccesso di capacità sui mercati globali. Il valore degli scambi di beni e servizi tra Stati Uniti e Regno Unito ha superato i 250 miliardi di dollari nel 2020.


Ultimi articoli collegati

Usa: confermati i dazi sull’import di tubi rettangolari a pareti spesse

Usa: risultati dell’inchiesta CVD sui tubi saldati a sezione circolare turchi

Salvaguardia Usa: a Germania, Paesi Bassi e Italia le quote più grandi

Liberty Ostrava aumenterà l’output per il mercato americano

Usa: risultati finali del riesame del dazio antidumping sui laminati a freddo dal Regno Unito