USA: cosa cambierà per l'industria siderurgica con Biden presidente

martedì, 10 novembre 2020 12:48:38 (GMT+3)   |   San Diego
       

Sono passati pochi giorni da quando Joe Biden è stato dichiarato il vincitore delle elezioni presidenziali USA e, sebbene Donald Trump abbia intenzione di contestare i risultati ricorrendo alla Corte Suprema, molti stanno già pensando al futuro, chiedendosi cosa cambierà per la siderurgia statunitense sotto una nuova amministrazione.

I commenti degli operatori intervistati da SteelOrbis riguardano prevalentemente il mantenimento o la revoca dei dazi della Section 232 e il disegno di legge sulle infrastrutture. 

Section 232

Nel marzo del 2018 l'amministrazione Trump annunciò dazi del 25% sull'acciaio importato dall'estero, facendo leva sull'articolo 232 del Trade Expansion Act del 1962. La decisione era collegata a due obiettivi: rivitalizzare l'industria siderurgica nazionale e creare posti di lavoro. L'impatto immediato della Section 232 fu innegabile: le importazioni si prosciugarono e i prezzi interni dell'acciaio aumentarono di oltre 200 dollari da un giorno all'altro. 

Dopo più di due anni dalla loro entrata in vigore, tuttavia, le tariffe sull'acciaio non sembrano aver centrato uno degli obiettivi cardine. Secondo quanto riportato da Forbes lo scorso 29 ottobre, nel medio termine i dazi su acciaio e alluminio non solo hanno portato a una riduzione dei posti di lavoro nel settore manifatturiero, ma non hanno neanche creato occupazione nel settore siderurgico. 

Molti all'interno del settore continuano a sostenere la necessità dei dazi, tuttavia con Biden presidente questi potrebbero essere revocati. 

«Credo che negozieranno [le tariffe della Section 232] caso per caso, iniziando dagli alleati europei e da alcuni partner strategici, come Taiwan», ha affermato un operatore del Midwest.

Un'altra fonte ha offerto una prospettiva alternativa: «Revocare la Section 232 non è tra le cose più importanti nella lista delle cose da fare di Biden. Ha ottenuto il sostegno del sindacato dei lavoratori siderurgici e pertanto questo vorrà avere voce in capitolo, ma la mia ipotesi è che tra due anni vedremo una riduzione delle tariffe e solo tra tre anni una loro revoca».

Infrastrutture

L'economia statunitense ha subito un duro colpo durante il primo periodo della pandemia di COVID-19, portando alla convinzione diffusa che il Congresso USA avrebbe approvato una legge "bipartisan" sulle infrastrutture. Benché a inizio luglio la Camera dei Rappresentanti avesse approvato un disegno di legge per spese in infrastrutture pari a 1,5 trilioni di dollari, la legislazione era già "morta" all'arrivo in Senato, poiché oltre a prevedere più di 300 miliardi di dollari per la riparazione di ponti e scuole e 100 miliardi di dollari per nuovi finanziamenti per il trasporto pubblico, il disegno di legge includeva anche 100 miliardi per l'accesso a Internet a banda larga, 70 miliardi per progetti di energia pulita, 25 miliardi per acqua potabile pulita e 25 miliardi per il servizio postale. A causa dell'aggiunta di spese non legate alle infrastrutture, il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell non ha permesso che il disegno di legge raggiungesse l'aula del Senato.

Alcuni ritengono che verrà formulata una nuova proposta di legge una volta che Biden sarà entrato in carica.

«Sì, credo che ad un certo punto ci sarà un disegno di legge – ha commentato una fonte – e credo che si arriverà piuttosto facilmente a un accordo sulle infrastrutture. Lo vedremo nel 2021? Fisserei le probabilità leggermente oltre il 50%».

Un trader della East Coast ha concordato sulla previsione, aggiungendo che «la portata della legge dipenderà dal Senato, ma non credo che vedremo nulla di spettacolare in ogni caso».

L'attuale composizione politica al Senato degli Stati Uniti è di 48 democratici e 48 repubblicani, con 2 seggi in Georgia diretti al ballottaggio. L'esito delle elezioni che si svolgeranno il 5 gennaio 2021 determinerà quale partito prenderà il controllo del Senato.

«La direzione e l'estensione della politica federale dipendono per molti versi dai risultati del Senato», ha affermato Matt Beckmann, amministratore delegato di Ascent Consultants. «Il ramo esecutivo avrà la capacità di rimodellare la politica commerciale internazionale più o meno indipendentemente dal Senato. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che vedremo Biden (o altri) spingere per attuare il Piano di unità Biden-Sanders [che include voci come un'espansione dei piani sanitari gestiti dal governo, la radicale riforma della giustizia penale, gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra e un focus sull'annullamento delle politiche sull'immigrazione dell'era Trump], direzione ed estensione della politica federale dipenderanno in gran parte da chi controllerà il Senato».

Un'altra fonte ha detto di sperare che Biden riesca ad «evitare di andare troppo a sinistra con la sua agenda. Se – ha continuato – riusciremo a mantenere la nostra produzione energetica in carreggiata senza aumentare i costi e se i tagli alle tasse attuati da Trump rimarranno in vigore, penso che le prospettive rimarranno buone. In caso contrario, ci toccherà resistere per almeno quattro anni». 


Ultimi articoli collegati

USA: importazioni di coils a freddo in crescita da settembre a ottobre

USA: export di OCTG in calo a settembre

Export statunitense di coils a caldo in crescita tra agosto e settembre

Export USA di zincati a caldo in crescita a settembre

USA: l'ITC dà il via libera a dazi sui raccordi in acciaio forgiato da India e Corea del Sud