USA: associazione manifatturiera a favore della modifica alla Section 232

giovedì, 31 gennaio 2019 13:12:23 (GMT+3)   |   San Diego
       

Paul Nathanson, portavoce della Coalition of American Metal Manufacturers and Users (CAMMU), ha pubblicato un comunicato in sostegno all’introduzione del “Bicameral Trade Authority Act of 2019”, legislazione che andrebbe a modificare la legge sull’espansione commerciale della Section 232.

“CAMMU sostiene fortemente il Bicameral Trade Authority Act of 2019, in quanto contribuirebbe a garantire che le tariffe vengano imposte solo ai sensi della Section 232 per una vera sicurezza nazionale”, ha affermato Nathanson. “È importante sottolineare che la legislazione potrebbe potenzialmente revocare le tariffe su acciaio e alluminio della Section 232 che continuano a causare danni a milioni di lavoratori nel settore manifatturiero statunitense”.

Nathanson ha dichiarato che le società americane continuano ad essere danneggiate dalle tariffe, dal momento che sono costrette a pagare centinaia di dollari la tonnellata in più rispetto ai loro concorrenti esteri, perdendo così opportunità commerciali.

“Inoltre, l’industria siderurgica domestica non è in grado di produrre abbastanza acciaio per soddisfare la domanda, e gli acquirenti statunitensi si trovano tempi di consegna sempre più lunghi; ciò contribuisce all'incertezza e alla perdita di affari”, ha continuato il portavoce di CAMMU.

Il Bicameral Trade Authority Act è stato presentato dai senatori Pat Toomey (R-Pennsylvania) e Mark Warner (D-Virginia) e i rappresentanti Ron Kind (D-Wisconsin), Mike Gallagher (R-Wisconsin), Darin LaHood (D-Illinois) e Jimmy Panetta (D-California). Il disegno di legge propone quanto segue:

  1. Il Congresso ha 60 giorni di tempo per approvare qualsiasi azione proposta della Section 232: se il Congresso non approverà quanto presentato, le azioni commerciali proposte dal Presidente non avranno forza o effetto. Le risoluzioni di approvazione sono privilegiate in entrambe le camere e non possono subire ostruzionismo. Se non segnalate dalla commissione entro dieci giorni dall’introduzione, le risoluzioni devono essere scartate dalla commissione.
  2. Ripristina l'intento di sicurezza nazionale per lo statuto della Section 232: dal 2001, il dipartimento del commercio ha utilizzato un’ampia definizione di sicurezza nazionale nella valutazione delle importazioni, includendo esplicitamente beni “oltre a quelli necessari per soddisfare i requisiti di difesa nazionale”. Il disegno di legge trasferisce l’autorità investigativa dal dipartimento del commercio al segretario della difesa. Il DOC determinerà ancora i rimedi appropriati nel caso di valutazioni positive della difesa. Inoltre, il disegno di legge definisce “sicurezza nazionale” e restringe le indagini della Section 232 ai beni con applicazioni militari, energetiche e infrastrutturali. Tali beni devono costituire una “minaccia sostanziale” alla sicurezza nazionale statunitense.
  3. Retroattività delle tariffe su acciaio e alluminio: se il Congresso non promuove una delibera di approvazione entro 75 giorni dopo l'entrata in vigore, le tariffe della Section 232 e le quote imposte negli ultimi 4 anni saranno abrogate.
  4. Requisiti della International Trade Commission (ITC) per gestire un processo di esclusione per le future azioni della Section 232: dati gli attuali problemi di arretrato, ritmo e trasparenza nel commercio, l'ITC, con le sue competenze in materia, è in una posizione migliore per amministrare le esclusioni future, che comprenderanno l’intera gamma dei prodotti considerati.
  5. Rapporti ITC: il disegno di legge indirizza l'ITC a presentare rapporti del Congresso che analizzino gli effetti specifici sul settore e a valle di qualsiasi azione della Section 232 intrapresa negli ultimi 4 anni, oltre ad eventuali azioni future.

Tags:
USA , Nord America , quote e dazi , opinioni | articoli simili »