USA annunciano nuovi dazi su prodotti derivati dell'acciaio e dell'alluminio

lunedì, 27 gennaio 2020 17:42:09 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Gli Stati Uniti hanno annunciato dazi aggiuntivi sulle importazioni di acciaio e alluminio. Nel mirino dell'amministrazione Trump ci sono stavolta prodotti derivati quali chiodi, cavi elettrici e componenti per il settore dei trasporti. 

A partire dall'8 febbraio saranno in vigore nuovi dazi del 25% sui derivati dell'cciaio e del 10% su quelli dell'alluminio. Sanzioni che si affiancheranno ai dazi della Section 232, già pari al 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio, che furono annunciati nella primavera del 2018. I provvedimenti sono stati presi adducendo controverse ragioni di «sicurezza nazionale» previste per proteggere - anche dagli alleati - una base industriale domestica definita «essenziale per la difesa e le infrastrutture di importanza critica». 

La Casa Bianca ha elencato al momento alcune esenzioni: Argentina, Australia, Canada, Messico, Brasile e Corea del Sud saranno risparmiati dai nuovi dazi sulle importazioni di derivati dell'acciaio. L'UE risulta per ora assente dalla lista degli esentati. 


Ultimi articoli collegati

USA: dazi provvisori sul PC strand proveniente dalla Turchia

USA: aggiornato il sistema di monitoraggio e analisi delle importazioni di acciaio

Stati Uniti riducono la quota per l'import di semilavorati dal Brasile

Rottame, prezzo in aumento in un nuovo scambio USA-Turchia

USA: Dipartimento del Commercio propone modifiche alle normative sui dazi antidumping e antisussidi