Unione Europea, diminuisce l'import di acciaio

venerdì, 19 luglio 2019 16:56:34 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Nell’UE le importazioni totali di acciaio (compresi i semilavorati) da paesi terzi sono calate del 5% circa nei primi cinque mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. È quanto si legge nell'Economic and Steel Market Outlook 2019-2020/Q3 2019 Report redatto dalla Economic Committee della European Steel Association (EUROFER). Inoltre, in base ai dati provvisori relativi al mese di giugno, l’import di prodotti finiti è diminuito del 15% nel periodo gennaio-maggio, come risultato di un calo del 7% nelle importazioni di prodotti piani e del 36% in quelle di lunghi.

EUROFER ha affermato che il volume medio mensile di importazione nell’UE è ammontato a 2,17 milioni di tonnellate nella prima metà dell'anno, ovvero il 7% in meno rispetto al volume medio mensile registrato durante il secondo semestre dello scorso anno. Le importazioni di semilavorati sono invece cresciute del 27%.

Nel primo semestre 2019, le principali fonti di importazione per l’Europa sono state Turchia, Russia, Corea del Sud e Cina, che hanno rappresentato il 65% del volume totale di acciai finiti. La Turchia è stata il maggior esportatore nel continente, coprendo da sola il 26% dell’import totale.


Ultimi articoli collegati

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane

Coils a caldo, possibili sconti sui prezzi da parte dei produttori turchi per l'Italia

ArcelorMittal annuncia lo stato di forza maggiore in Francia