UNESID: le misure di salvaguardia UE limitano i danni causati dall'import

lunedì, 18 marzo 2019 18:17:57 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto riportato dall’associazione dei produttori siderurgici spagnoli UNESID, nel 2018 in Spagna sono stati importati 10,8 milioni di tonnellate di prodotti siderurgici, l’8,6% in più su base annua, per un aumento di quasi un milione di tonnellate. Questo risultato conferma la tendenza rialzista degli ultimi cinque anni, con il volume del 2018 che risulta il più alto degli ultimi dieci anni.

UNESID ha dichiarato che le misure statunitensi della Section 232 hanno portato diversi paesi ad aumentare le loro esportazioni verso la Spagna e l’Unione Europea, come nel caso della Turchia, le cui esportazioni verso il paese iberico hanno superato il milione di tonnellate nel 2018.

Le importazioni siderurgiche spagnole da paesi terzi sono aumentate del 21% su base annua, ammontando a 3,8 milioni di tonnellate, in seguito alla chiusura del mercato americano, indicando che le misure di salvaguardia europee, entrate in vigore a luglio 2018, non hanno rallentato la crescita dell’import. Ciò significa che le misure di salvaguardia non hanno limitato il volume di importazioni, ma piuttosto hanno provato ad evitare il danno causato da un eccessivo aumento delle importazioni a fronte di un evento imprevisto, ha osservato UNESID.


Ultimi articoli collegati

EUROFER, nuovo appello alla Commissione europea per la riduzione delle quote di salvaguardia

EUROFER: in Europa peggior performance della domanda di acciaio dal 2012

USA: Italia tra i paesi nel mirino di indagini sulle importazioni di PC strand

Coils a caldo, EUROFER chiede un'indagine antidumping contro la Turchia

Roland Berger: la siderurgia europea deve investire 100 miliardi per essere carbon neutral entro il 2050