UNESID: in Spagna produzione di acciaio in calo del 18% nel 2020

martedì, 30 marzo 2021 17:32:25 (GMT+3)   |   Istanbul
       

L'associazione dei produttori siderurgici spagnoli UNESID ha dichiarato che nel 2020 la pandemia di coronavirus ha influenzato negativamente le attività di tutti i settori che utilizzano acciaio. Nel periodo in oggetto, la produzione siderurgica in Spagna è ammontata a 11,1 milioni di tonnellate, in calo del 18% annuo a causa del fatto che la domanda ha raggiunto i livelli più bassi dalla crisi del 2008. Solo nell'ultimo trimestre dell'anno si è vista una ripresa della produzione, ovvero un +36% rispetto al trimestre precedente. 

Sempre nel 2020, l'industria siderurgica spagnola ha riciclato 9,1 milioni di tonnellate di rottame, ovvero il 13% in meno su base annua. Nel frattempo, la Spagna ha prodotto 12,3 milioni di tonnellate di prodotti in acciaio, dato in flessione del 15,2%. La domanda di acciaio nel paese, che è diminuita dell'11,7% annuo, è risultata più debole a metà 2020, mentre negli ultimi due trimestri si è ripresa gradualmente. 

L'export è diminuito del 16,2% annuo a 8 milioni di tonnellate, mentre l'import è calato del 13,2%. In volumi, si sono registrati un deficit di quasi un milione di tonnellate e un avanzo commerciale di 516 milioni di euro. 

Andrés Barceló, CEO di UNESID, ha dichiarato che «il nostro settore ha dovuto contribuire alla lotta contro la pandemia rendendo gli impianti dei posti sicuri per lavorare. Le aziende hanno dovuto adattarsi alle drastiche misure dettate adottate dal governo con la promulgazione dello stato di emergenza e con la totale chiusura dell'economia. Nonostante ciò, l'industria siderurgica spagnola ha cercato di contribuire alla ripresa economica, producendo e servendo i clienti in circostanze molto difficili, ma mantenendo come priorità assoluta la sicurezza delle persone». 

Barceló, commentando i primi mesi del 2021, ha affermato che «l'inizio del'’anno è stato infulenzato sia dagli effetti della tempesta Filomena sia dai forti aumenti di prezzo dell'energia e delle materie prime in tutto il mondo. L'industria siderurgica spagnola confida nel fatto che l'allentamento delle misure restrittive, come conseguenza del processo di vaccinazione, cosentirà una ripresa dell'attività in tutti i settori di consumo», ha concluso il CEO di UNESID. 


Ultimi articoli collegati

UE: crescita delle immatricolazioni a marzo

Liberty Ostrava, produzione in forte aumento nel primo trimestre

Tata Steel Europe introduce un "carbon surcharge" sui contratti in Europa e Regno Unito

Turchia primo produttore di acciaio in Europa, la TCUD auspica la fine della salvaguardia UE

Germania: produzione di acciaio grezzo in diminuzione in gennaio-febbraio