Ue, dazio definitivo sulle importazioni di vergella cinese

mercoledì, 13 ottobre 2021 16:19:03 (GMT+3)   |   Brescia
       

La Commissione europea ha istituito un dazio antidumping definitivo sulle importazioni di vergelle originarie della Cina a seguito di un riesame in previsione della scadenza di precedenti misure. 

La domanda di riesame era stata presentata il 14 luglio 2020 dalla European Steel Association (Eurofer) per conto di produttori dell'Unione che rappresentano circa il 60% della produzione totale di vergelle nel continente. 

Terminata l'indagine, la Commissione ha istituito «un dazio antidumping definitivo sulle importazioni di vergelle o bordioni, laminati a caldo, arrotolati in spire non ordinate (in matasse), di ferro, di acciai non legati o di acciai legati diversi dall'acciaio inossidabile, originari della Repubblica popolare cinese, attualmente classificati con i codici NC 7213 10 00, 7213 20 00, 7213 91 10, 7213 91 20, 7213 91 41, 7213 91 49, 7213 91 70, 7213 91 90, 7213 99 10, 7213 99 90, 7227 10 00, 7227 20 00, 7227 90 10, 7227 90 50 e 7227 90 95».

Le aliquote del dazio sono pari al 7,9% per il Gruppo Valin e al 24% per tutte le altre società cinesi. 


Ultimi articoli collegati

Dazi, rappresentante per il Commercio USA «ottimista» riguardo a un accordo con l'Ue

AFV Beltrame Group, Fornelli: 2021 soddisfacente, ma ora preoccupa l'esplosione dei costi

Assofermet: dopo i dazi sull'alluminio, l'Ue sospenda anche la salvaguardia sull'acciaio

Benso (Assofermet): «Con l'import i distributori a loro rischio hanno dato continuità di fornitura»

Salvaguardia Ue: già esaurite le quote per alcuni prodotti