UE: chiusa l'indagine antidumping sui tubolari provenienti da Turchia, Macedonia e Russia

martedì, 02 luglio 2019 10:51:44 (GMT+3)   |   Istanbul
       

La Commissione europea ha annunciato di aver chiuso il procedimento antidumping relativo alle importazioni di tubi e profilati cavi saldati, di sezione quadrata o rettangolare, di ferro (non ghisa) o di acciaio (non inossidabile), originari della Repubblica di Macedonai del Nord, della Russia e della Turchia. 

L'indagine era stata lanciata il settembre 2018 e riguardava il periodo dal 1° luglio 2017 al 30 giugno 2018. Alla luce dei risultati dell'inchiesta, la Commissione ha stabilito che la «richiesta di registrazione inviata dal denunciante (il Comitato di difesa dell'industria dei tubi di acciaio saldati dell'Unione europea) è diventata irrilevante».

I prodotti in oggetto sono attualmente classificati con i codici NC 7306 61 92 e 7306 61 99. 


Articolo precedente

Turchia, Icdas: prezzi dei lunghi in aumento

01 lug | Lunghi e billette

Romania, prezzi stabili per gli acciai lunghi

30 giu | Lunghi e billette

Cina: in calo i prezzi export dei tubi

29 giu | Tubi e tubolari

Usa: export di OCTG a -7,5% ad aprile

29 giu | Notizie

Stati Uniti: dazio antidumping definitivo sui tubi saldati dalla Corea del Sud

28 giu | Notizie

UE, adeguamenti delle quote per alcuni paesi

28 giu | Notizie

Tubolari strutturali: esportazioni in calo negli Usa ad aprile

24 giu | Notizie

Regno Unito, pubblicati i risultati sulle misure di salvaguardia sull'acciaio

24 giu | Notizie

Cina: i prezzi per l'esportazione dei tubi scendono drasticamente

23 giu | Tubi e tubolari

Ucraina: Centravis sta utilizzando i porti in Germania e Polonia

21 giu | Notizie