Ucraina: in calo la produzione di acciaio grezzo, ghisa e acciai finiti

martedì, 20 ottobre 2020 16:00:11 (GMT+3)   |   Istanbul
       

In Ucraina il periodo di crisi generale che sta vivendo l'industria metallurgica, combinato con l'impatto della pandemia di coronavirus, ha portato ad un indebolimento delle performance del settore siderurgico nei primi nove mesi dell'anno. Tuttavia, negli ultimi mesi dello stesso periodo il trend discendente ha mostrato segni di rallentamento.

Secondo quanto riferito da Ukrmetallurgprom, nel periodo gennaio-settembre del 2020 in Ucraina sono stati prodotti 15,33 milioni di tonnellate di acciaio grezzo, ovvero il 6,5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Allo stesso tempo, la produzione di ghisa si è ridotta del 2%, a 15,17 milioni di tonnellate, mentre le acciaierie del paese hanno prodotto 13,71 milioni di tonnellate di acciai finiti, registrando una flessione del 2,8%. La produzione di agglomerato di minerale ferroso è rimasta stabile a 13,67 milioni di tonnellate, mentre la produzione di tubi è ammontata a 620.000 tonnellate, in calo del 24,3%.

Alla data del 15 ottobre erano in funzione in Ucraina 16 altiforni su un totale di 21. Inoltre, erano operativi 12 convertitori ad ossigeno su 16, 6 forni elettrici su 15 e 15 impianti di colata continua su 17.


Ultimi articoli collegati

ArcelorMittal Kryviy Rih, produzione in calo nei primi dieci mesi dell'anno

Mechel, volumi di produzione e vendita in ripresa in gennaio-settembre

Ucraina: produzione di minerale ferroso in calo per KZhRK nei primi dieci mesi

Metinvest, in crescita la produzione di ghisa in gennaio-settembre

Zaporizhstal: produzione di ghisa in aumento, cala quella di acciaio