Turchia: vendite di veicoli a motore in calo nei primi tre mesi del 2019

martedì, 16 aprile 2019 16:29:35 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo i dati diffusi dall'associazione dei produttori automobilistici turchi (OSD), nel mese di marzo le vendite di veicoli a motore in Turchia sono ammontate a 50.472 unità, registrando un aumento del 36,6% su base annua. Nello stesso mese, le vendite di veicoli a motore hanno registrato un calo del 35,4% rispetto allo stesso mese del 2018, ammontando a 38.628 unità. Nel primo trimestre, invece, le vendite di veicoli a motore in Turchia hanno raggiunto le 90.888 unità, calando del 44,9% su base annua.

Nei primi tre mesi dell’anno, le esportazioni di autovetture in Turchia sono ammontate a 320.213 unità, registrando un calo del 7,1%, mentre l’export di veicoli passeggeri è diminuito del 10,9% ammontando a 209.884 unità, entrambe le variazioni su base annua. Nello stesso periodo, la Turchia ha esportato 88.988 piccoli autocarri, dato in calo del 5,8% su base annua. Sempre nel primo trimestre, i ricavi derivanti dalle esportazioni di veicoli a motore e di pezzi di ricambio sono scesi del 5,8% attestandosi a 7,89 miliardi di dollari, mentre i ricavi provenienti dall’export di veicoli passeggeri hanno raggiunto i 2,94 miliardi di dollari, calando del 10,8%, variazioni su base annua.

Nel mese di marzo, le importazioni di veicoli a motore hanno raggiunto 27.302 unità, calando del 44,1% su base annua, mentre le importazioni di veicoli passeggeri sono ammontate a 22.034 unità, registrando una diminuzione del 45% rispetto a marzo 2018. Nel primo trimestre, invece, l’import di veicoli a motore è ammontato a 50.311 unità, dato in calo del 49,9% rispetto al primo trimestre del 2018, mentre l’import di veicoli passeggeri si è attestato a 40.424 unità, calando del 50,1% su base annua.


Ultimi articoli collegati

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane

Coils a caldo, possibili sconti sui prezzi da parte dei produttori turchi per l'Italia

ArcelorMittal annuncia lo stato di forza maggiore in Francia