Turchia: in crescita produzione e consumo di acciaio nei primi nove mesi del 2020

lunedì, 02 novembre 2020 17:22:04 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A settembre di quest'anno la produzione turca di acciaio grezzo è cresciuta del 18% su base annua, ammontando a 3,2 milioni di tonnellate. Nel periodo gennaio-settembre l'output è cresciuto del 2,6%, attestandosi a 25,9 milioni di tonnellate. I dati sono stati raccolti e diffusi dall'associazione dei produttori siderurgici turchi (TCUD).

Nei primi nove mesi dell'anno il consumo di acciai finiti in Turchia è cresciuto del 14,9% a 21,9 milioni di tonnellate. Nel solo mese di settembre l'incremento è stato del 27,7% e ha permesso di raggiungere 2,8 milioni di tonnellate. Il consumo è cresciuto del 42,7% nel primo trimestre, per poi calare del 16,9% nel secondo trimestre e tornare a crescere del 25,2% nel terzo trimestre. Tutte le variazioni sono in termini tendenziali. 

A settembre, l'export turco di acciaio in termini di volumi è ammontato a 1,9 milioni di tonnellate (+0,8%), mentre in valore si è attestato a 1,3 miliardi di dollari (-3,9%). Sempre l'export, nei primi nove mesi del 2020, è ammontato a 15 milioni di tonnellate (-9,1%), mentre in valore ha raggiunto 10,4 miliardi di dollari (-14,7%).

Venendo all'import, a settembre la Turchia ha ricevuto 1,2 milioni di tonnellate (+10,1%) di acciaio, pari a un valore di 881 milioni di dollari (-3%). Le importazioni turche nei primi nove mesi dell'anno sono ammontate a 10 milioni di tonnellate (+8,9%), mentre il loro valore è stato di 7,2 milioni di dollari (-4,9%).

La TCUD ha sottolineato che nonostante la pandemia abbia avuto un impatto negativo sulla produzione di acciaio grezzo, a giugno è stata registrata un'inversione di trend che è stata mantenuta almeno fino a settembre. I volumi di produzione registrati nei primi nove mesi del 2020 hanno portato la Turchia a diventare il settimo produttore siderurgico mondiale. Nel nono mese dell'anno il paese ha registrato un tasso di utilizzo della capacità del 78,2%, mentre nel periodo gennaio-settembre questo si è attestato al 69,8%. Le esportazioni turche di acciaio sono diminuite del 10% nei primi nove mesi. In particolare, quelle verso l'UE sono diminuite del 19,4% nel 2019 e del 24,9% nei primi nove mesi del 2020, a causa delle misure di salvaguardia in vigore. Al contrario, le importazioni di acciaio proveniente dall'UE sono cresciute del 4% nel 2019 e dello 0,8% nei primi nove mesi del 2020. 

La TCUD ha affermato che, affinché aumentino i risultati di produzione e il consumo di acciaio in Turchia nei prossimi mesi, è necessario rivedere i meccanismi che incoraggiano le importazioni, in particolare il regime di perfezionamento attivo, e rimuovere le misure protezionistiche degli USA e dell'UE.


Ultimi articoli collegati

Coking coal, importazioni in calo in Turchia a settembre

Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nei primi nove mesi del 2020

Turchia: alcune acciaierie aumentano i prezzi d'acquisto del rottame

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nei primi nove mesi

Rottame, crescono le importazioni in Turchia