Turchia: in calo l'import di minerale di ferro nei primi sette mesi     

mercoledì, 16 settembre 2020 09:43:54 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A luglio di quest'anno le importazioni di minerale di ferro in Turchia sono incrementate del 60,1% su base annua e del 41,9% su base mensile, attestandosi a 1,19 milioni di tonnellate. È quanto emerge dagli ultimi dati diffusi dall'Ufficio di statistica turco (TUIK). In valore, l'import ha generato 118,25 milioni di dollari, registrando aumenti del 56% su base mensile e del 23,9% su base annua.

Nei primi sette mesi del 2020 la Turchia ha importato 5,76 milioni di tonnellate di HRC, dato in calo del 7,6% annuo, mentre il valore delle stesse importazioni è diminuito del 13,8% a 556,2 milioni di dollari. 

Nel periodo in oggetto la Turchia ha importato 3,18 milioni di tonnellate di minerale di ferro dal Brasile, dato che ha fatto segnare un aumento dello 0,26% su base annua. La seconda fonte di importazione è stata la Svezia con 1,31 milioni di tonnellate, mentre la terza è stata la Russia con 743.709 tonnellate.  

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di minerale di ferro per la Turchia nei primi sette mesi del 2020.

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gennaio-luglio 2020 

Gennaio-luglio 2019 

Var. (%) 

Luglio 2020 

Luglio 2019 

Var. (%)

Brasile

3.178.025

3.169.843

0,26

514.646

243.326

111,5

Svezia

1.310.833

1.031.445

27,09

165.026

165.029

-

Russia

743.709

351.431

111,62

239.300

108.347

120,86

Sudafrica

344.834

505.055

-31,72

171.885

166.977

2,94

Ucraina

177.661

319.047

-44,32

99.005

59.504

66,38


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nei primi otto mesi del 2020

Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nei primi otto mesi del 2020

Coking coal, importazioni in forte crescita in Turchia ad agosto

Vergella, prima spedizione in Brasile per Kardemir

Turchia: export di vergella in calo nei primi otto mesi dell'anno