Turchia: in calo l'import di ghisa nei primi cinque mesi

giovedì, 23 luglio 2020 16:54:59 (GMT+3)   |   Istanbul
       

A maggio di quest'anno le importazioni di ghisa in Turchia sono diminuite del 38,7% su base annua e dell’1% su base mensile, attestandosi a 83.118 tonnellate. È quanto emerge dagli ultimi dati diffusi dall'Ufficio di statistica turco (TUIK). In valore, l'import ha generato 25,52 milioni di dollari, registrando cali del 47,4% su base annua e del 10,7% su base mensile.

Nei primi cinque mesi del 2020 la Turchia ha importato 503.459 tonnellate di ghisa, dato in calo del 18,1% annuo, mentre il valore delle stesse importazioni è diminuito del 28,3% a 159,80 milioni di dollari. 

Nel periodo in oggetto la Turchia ha importato 236.966 tonnellate di ghisa dalla Russia, dato che ha fatto segnare una flessione del 47,21% su base annua. La seconda fonte di importazioni è stata l’Ucraina con 131.511 tonnellate, in crescita del 62,3%.  

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di ghisa per la Turchia nei primi cinque mesi del 2020.

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gennaio-maggio 2020 

Gennaio-maggio 2019 

Var. (%) 

Maggio 2020 

Maggio 2019 

Var. (%)

Russia

236.966

448.885

-47,21

37.272

105.452

-64,66

Ucraina

131.511

81.028

62,3

20.060

26.195

-23,42

Germania

67.212

20.431

228,97

25.830

-

-

Brasile

57.671

48.152

19,77

-

-

-

Canada

10.059

-

-

-

-

-

 


Ultimi articoli collegati

Coking coal, importazioni in forte crescita in Turchia ad agosto

Turchia: importazioni di coils a caldo in crescita ad agosto

Vergella, prima spedizione in Brasile per Kardemir

Coils a caldo, Italia prima destinazione delle esportazioni turche in gennaio-agosto

Turchia: export di vergella in calo nei primi otto mesi dell'anno