Turchia: importazioni di minerale in calo nei primi quattro mesi

lunedì, 15 giugno 2020 16:39:16 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di aprile di quest'anno le importazioni di minerale ferroso in Turchia sono aumentate del 63,5% su base annua e del 12,9% su base mensile, attestandosi a 923.009 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 92,32 milioni di dollari, registrando incrementi del 16,1% su base mensile e del 124% su base annua.    

Nel corso dei primi quattro mesi dell’anno, le stesse importazioni sono calate del 12,72%, fermandosi a 2,94 milioni di tonnellate. In valore, l'import ha raggiunto i 293,2 milioni di dollari, registrando una flessione del 6,03% rispetto allo stesso periodo del 2019.    

Nel periodo in oggetto la Turchia ha importato 1,56 milioni di tonnellate di minerale ferroso dal Brasile, volume in calo del 19,23% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dalla Svezia con 810.630 tonnellate e dalla Russia con 373.866 tonnellate.    

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di minerale ferroso per la Turchia nel periodo gennaio-aprile. 

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gen-apr 2020 

Gen-apr 2019 

Var. (%) 

Aprile 2020 

Aprile 2019 

Var. (%)

Brasile

1.555.029

1.925.285

-19,23

414.132

334.115

23,95

Svezia

810.630

565.131

43,44

330.110

-

-

Russia

373.866

152.011

145,95

149.613

37.682

297,04

Sudafrica

172.929

172.362

0,33

-

-

-

Ucraina

29.154

156.606

-81,38

29.153

28.452

2,46

 


Ultimi articoli collegati

Turchia: export di tondo in lieve crescita nel primo semestre

Due acciaierie turche aumentano i prezzi del rottame da cantieristica navale

Turchia: in calo l'import di coils a caldo nei primi cinque mesi

Tosyali Holding accelera gli investimenti in Angola

Turchia: aumento dell'import di billette nei primi cinque mesi