Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nei primi due mesi dell’anno

martedì, 23 aprile 2019 10:16:51 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo i dati diffusi dall'Istituto di statistica turco (TUIK), in Turchia le importazioni di minerale ferroso a febbraio 2019 sono ammontate a 298.672 tonnellate, calando del 68,4% rispetto a gennaio e del 23,11% rispetto allo stesso mese del 2018. Il valore generato da queste importazioni è ammontato a 21,2 milioni di dollari, calando del 76,1% rispetto al mese precedente e del 34,8% rispetto a febbraio 2018.

Nei primi due mesi del 2019, le importazioni turche di minerale di ferro sono diminuite del 4,8%, ammontando a 1,25 milioni di tonnellate, mentre il valore generato dalle stesse è stato di 109,9 milioni di dollari, in calo del 4,05%, entrambe le variazioni su base annua.

Nello stesso periodo, la Turchia ha importato 929.827 tonnellate di minerale di ferro (il 57,32% in più su base annua) dal Brasile, cui sono seguite la Svezia, con 190.023 tonnellate fornite, e l’Ucraina, con 99.004 tonnellate fornite.

Le principali fonti di importazione di minerale ferroso per la Turchia nei mesi di gennaio e febbraio sono state le seguenti:

Paese

Quantità (t)

 

 

 

 

 

 

Gennaio-Febbraio 2019

Gennaio-Febbraio 2018

Variazione (%)

Febbraio 2019

Febbraio 2018

Variazione (%)

Brasile

929.827

591.026

57,32

249.144

249.823

-0,27

Svezia

190.023

235.839

-19,43

-

-

-

Ucraina

99.004

44.604

121,96

49.501

-

-

Russia

26.104

202.945

-87,14

-

37.592

-


Ultimi articoli collegati

Turchia: crescono i prezzi del rottame proveniente dalla regione baltica

Rottame, prezzi sempre più vicini ai 280 $/t CFR Turchia

Produttore turco ordina rottame proveniente dalla Russia settentrionale

Turchia: i prezzi d'acquisto del rottame da cantieristica navale toccano i 265 $/t

Rottame, clima positivo sul mercato turco