Turchia: importazioni di coking coal in crescita nei primi quattro mesi 

lunedì, 15 giugno 2020 10:19:20 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nei primi quattro mesi dell'anno le importazioni di coking coal in Turchia sono cresciute dell'8,75% su base annua, raggiungendo 1,76 milioni di tonnellate. In valore l'import è ammontato a 221,03 milioni di dollari, registrando una diminuzione del 28,47%. 

Nel solo mese di aprile le stesse importazioni sono ammontate a 332.798 tonnellate, facendo registrare un calo del 57,5% su base mensile e un incremento del 40,2% in termini tendenziali. In valore l'import è diminuiti del 62,5% rispetto al mese precedente e dell'8,01% rispetto ad aprile 2019, ammontando a 38,3 milioni di dollari.

Nel periodo gennaio-aprile la Turchia ha importato 664.307 tonnellate di coking coal dagli USA. A seguire vi sono state le importazioni dal Canada, pari a 376.319 tonnellate.   

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di coking coal per la Turchia nel periodo gennaio-aprile. 

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gen-apr 2020 

Gen-apr 2019 

Var. (%) 

Aprile 2020 

Aprile 2019 

Var. (%) 

USA

664.307

149.581

344,11

67.784

71.778

-5,56

Canada

376.319

421.960

-10,82

-

164.530

-

Australia

328.510

676.100

-51,41

65.606

-

-

Russia

271.092

234.338

15,68

199.407

1.101

-

Colombia

123.123

139.421

-11,69

-

-

-


Ultimi articoli collegati

Turchia: export di tondo in lieve crescita nel primo semestre

Due acciaierie turche aumentano i prezzi del rottame da cantieristica navale

Turchia: in calo l'import di coils a caldo nei primi cinque mesi

Tosyali Holding accelera gli investimenti in Angola

Turchia: aumento dell'import di billette nei primi cinque mesi