Turchia: importazioni di coils laminati a freddo in calo nel periodo gennaio-febbraio

martedì, 23 aprile 2019 10:30:57 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo i dati riportati dall’istituto di statistica turco (TUIK), le importazioni turche di coils laminati a freddo a febbraio sono ammontate a 42.211 tonnellate, facendo registrare un calo del 3,6% su base mensile e del 22,3% su base annua. Il valore generato da queste importazioni è ammontato a 26 milioni di dollari, il 17,7% in più rispetto a gennaio e in calo del 28,7% rispetto a febbraio 2018.

Nei primi due mesi dell’anno, le importazioni di coils laminati a freddo in Turchia sono calate del 24,2%, ammontando a 85.991 tonnellate, mentre il valore generato da queste è stato di 57,66 milioni di dollari, in calo del 23,4%, entrambe le variazioni su base annua.

Nello stesso periodo, la Turchia ha importato 49.548 tonnellate di coils laminati a freddo, il 61,91% in più su base annua, dalla Russia, principale fonte di importazione di CRC per il paese, cui è seguita il Giappone con 9.876 tonnellate fornite.

Le principali fonti di importazione di coils laminati a freddo per la Turchia nel periodo gennaio-febbraio sono state le seguenti:

Paese

Quantità (t)

 

 

 

 

 

 

Gennaio-Febbraio 2019

Gennaio-Febbraio 2018

Variazione (%)

Febbraio 2019

Febbraio 2018

Variazione (%)

Russia

49.548

30.603

61,91

28.520

12.047

136,74

Giappone

9.876

162

5996,30

-

-

-

Romania

7.546

10.999

-31,39

3.364

4.948

-32,01

Cina

6.462

12.168

-46,89

4.564

12.055

-62,14

Olanda

3.605

4.448

-18,95

1.284

1.929

-33,44

Belgio

3.586

18.700

-80,82

1.595

8.538

-81,32


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di coils a freddo in crescita nel primo trimestre

Coils a caldo, i produttori turchi alzano i prezzi

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nel primo trimestre

Italia prima destinazione delle esportazioni turche di coils a caldo

Coils a caldo, offerte da CIS e UE verso la Turchia