Turchia: importazioni di coils a freddo in diminuzione in gennaio-febbraio

martedì, 13 aprile 2021 17:20:19 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di febbraio di quest'anno le importazioni di coils a freddo (CRC) in Turchia sono diminuite del 23,6% su base mensile e del 27,8% in termini tendenziali, attestandosi a 47.245 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 31,89 milioni di dollari, facendo registrare diminuzioni del 21,6% su base mensile e del 4,3% su base annua.

Nel corso dei primi due mesi dell’anno le importazioni di CRC in Turchia sono state pari a 109.095 tonnellate, dato in flessione del 35,5% su base annua. In valore, l'import ha raggiunto i 72,55 milioni di dollari, registrando un calo del 14,4%.
Nel periodo in oggetto la Turchia ha importato 78.451 tonnellate di CRC dalla Russia, volume in calo del 14,1% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dai Paesi Bassi con 6.470 tonnellate.
Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di CRC per la Turchia.

Paese

Quantità (t)

 

 

 

 

 

 

Gen-feb 2021

Gen-feb 2020

Variazione annua (%)

Febbraio 2021

Febbraio 2020

Variazione annua (%)

Russia

78.451

91.332

-14,10

30.465

44.197

-31,07

Paesi Bassi

6.470

5.343

21,09

3.965

1.916

106,94

Ucraina

5.987

7.796

-23,20

5.419

1.589

241,03

Corea del Sud

4.857

8.792

-44,76

498

1.431

-65,20

Belgio

3.189

29.101

-89,04

1.288

6.285

-79,51

Cina

2.718

4.335

-37,30

2.699

2.775

-2,74

Italia

2.070

4.192

-50,62

205

2.775

-92,61

Austria

1.267

688

84,16

786

417

88,49

Svezia

1.157

273

323,81

550

224

145,54

Romania

1.141

14,068

-91,89

321

3.270

-90,18


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di coils a freddo in diminuzione a marzo

Turchia: importazioni di coils a caldo in forte crescita a marzo

Coils a caldo, boom delle esportazioni turche a marzo

Tatmetal avvia il nuovo laminatoio tandem a freddo di Danieli

Giappone: export di acciaio in aumento a marzo ma in calo nel primo trimestre