Turchia: importazioni di coils a freddo in crescita nei primi undici mesi del 2020

venerdì, 22 gennaio 2021 14:02:10 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di novembre 2020 le importazioni di coils laminati a freddo (CRC) in Turchia sono aumentate del 3,6% su base mensile e del 56% su base annua, attestandosi a 40.317 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 23,71 milioni di dollari, registrando incrementi del 15,8% su base mensile e del 55,6% su base annua.

Nel corso dei primi undici mesi dell'anno, le stesse importazioni sono cresciute del 12,6%, ammontando a 655.413 tonnellate. In valore, l'import ha raggiunto 341,83 milioni di dollari, registrando un calo del 3,3% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Nel periodo in esame la Turchia ha importato 389.077 tonnellate di coils a freddo dalla Russia, volume in crescita del 30,31% annuo. A seguire vi sono state le importazioni dal Belgio, pari a 65.168 tonnellate. Le importazioni dall'Italia sono calate di quasi il 63% rispetto ai primi undici mesi del 2019.

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di coils a freddo per la Turchia nel periodo gennaio-novembre.

Paese  

Volume (t)  

   

   

   

   

   

   

Gen-nov 2020  

Gen-nov 2019  

Var. (%)  

Novembre 2020  

Novembre 2019  

Var. (%) 

Russia

389.077

298.589

30,31

17,952

13.334

34,63

Belgio

65.168

54.249

20,13

2,636

3.697

-28,70

Corea del Sud

55.282

11.586

377,14

4,867

541

799,63

Cina

38.482

15.271

151,99

3,646

106

3339,62

Romania

31.551

61.968

-49,09

974

3.345

-70,88

Paesi Bassi

20.546

20.918

-1,78

4,231

2.084

103,02

Ucraina

15.639

11.720

33,44

1,670

-

-

Italia

15.134

40.279

-62,43

2,828

298

848,99

Svezia

3.928

4.953

-20,69

423

487

-13,14

Austria

3.686

1.085

239,72

529

134

294,78


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di ghisa in calo nel 2020

Turchia: importazioni di coils a freddo in crescita nel 2020

Turchia, associazione produttori di acciaio: il 2021 sarà un anno migliore del precedente

Turchia: importazioni di coils a caldo in calo nel 2020

Turchia: export di coils a caldo in calo nel 2020, Italia prima destinazione